The Behind the Scenes come partner multimediale #WCEU: com’è l’esperienza?

Ogni volta che andiamo a un WordCamp, sia esso locale o globale, non ci limitiamo a partecipare. Ci piace impegnarci e lasciarci coinvolgere il più possibile, dove possiamo. Dopo esserci offerti volontari al WordCamp Europe (WCEU) per diversi anni consecutivi, abbiamo iniziato a orientarci anche verso altre attività. Ad esempio, Sabina Ionescu e Rodica Andronache hanno fatto parte del team organizzativo la scorsa estate a Belgrado, mentre ThemeIsle (il nostro secondo blog) era un media partner. È stata una transizione graduale dai sostenitori dei media a Parigi nel 2017.


Ad ogni modo, il punto è che ogni volta che andiamo a un evento come questo, vogliamo essere lì, al centro di esso, e vedere le cose da una prospettiva interna. Impari molto facendo questo e ti diverti molto di più.

Quest’anno, saremo di nuovo a Berlino come volontari e partner dei media, questa volta proprio con questo blog (eravamo entusiasti quando abbiamo ricevuto la conferma). Quindi oggi abbiamo un flashback della nostra esperienza passata con i media e volevamo condividere con voi i vantaggi di cogliere questa opportunità.

The Behind the Scenes come partner multimediale WCEU: com'è l'esperienza?

Il punto di questo post è per farti sapere cosa sta succedendo dietro le quinte di essere media partner di WordCamp Europa e perché dovresti provare a prendere parte anche tu, almeno una volta nella vita.

WCEU Media Partners per la prima volta

Essere un media partner non è così facile perché, una volta saliti a bordo, devi consegnare. Dopotutto, ti assumi la piena responsabilità per la creazione di contenuti che promuovono l’evento.

Dal momento in cui siamo entrati in questa avventura, ci siamo tenuti in contatto con il team PR settimanalmente, se non più spesso. Abbiamo cercato di tenere il passo con tutte le notizie e gli annunci importanti condividendoli con il nostro pubblico sui social media.

I social media e il blog ThemeIsle sono stati le nostre principali fonti di promozione. Ci siamo impegnati a scrivere diversi contenuti relativi al WCEU da febbraio a giugno. Oserei dire che, per me personalmente, questo è stato il progetto principale nella prima parte del 2018. E, come puoi vedere, lo stiamo facendo di nuovo ora. Perché? Ne parleremo più avanti.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo avuto l’opportunità di creare contenuti interessanti e diversificati.

Ho avuto la possibilità di prendere il polso della comunità proprio prima dell’evento e vedere come si sono sentiti ad arrivare a Belgrado in estate. Nello stesso contesto, ho creato la mia prima infografica in assoluto, che è stata davvero divertente. Ho sicuramente trascorso molto più tempo di quanto farebbe un designer, ma mi è piaciuto così è quello che conta alla fine della giornata. Per questa infografica, Ho lavorato a stretto contatto con il team PR del WCEU che mi ha fornito tutte le statistiche e le informazioni di cui avevo bisogno. Quelle persone erano davvero gentili e sensibili alle mie richieste.

Ho anche collaborato con Christian Mirra per un gruppo di fumetti, dopo aver fatto brainstorming con il nostro team di marketing.

fumetti per #wceu media partner 2018

Inoltre, controlla alcuni esempi del nostro contenuto WCEU (riepilogo, infografica, guida e revisione):

Più alcune interviste e una carrellata con i punti salienti delle persone dopo l’evento proprio qui su questo blog. Anche Ionut Neagu, il nostro CEO, ha condiviso alcune riflessioni al riguardo tramite il suo Rapporto mensile sulla trasparenza.

Le interviste dal vivo

Un’altra prima volta per noi sono state le interviste dal vivo che abbiamo fatto con cinque oratori.

In qualità di media partner, il tuo compito è quello di coprire l’evento in molti modi e puoi diventare creativo se lo desideri.

Quindi, a parte la scrittura e la parte visiva da dietro un computer, il nostro compito era di intervistare anche alcune persone interessanti di persona. Chris Fitzgerald e io eravamo incaricati di questo compito, quindi abbiamo pianificato di conseguenza con il team di pubbliche relazioni che ci ha aiutato alla grande prima e durante la conferenza. Grazie ancora ragazzi, specialmente Tess per essere così ricettivi nei confronti delle nostre esigenze e domande!

Quando sei un media partner, hai una stanza all’interno della sede della conferenza designata per te (e altri partner). Potresti andare lì e rilassarti, preparare il tuo lavoro o qualunque cosa tu voglia fare. Le persone erano amichevoli come sempre – sia lo staff che gli altri partner dei media WCEU che vagavano per il luogo.

È solo che tutti hanno dovuto tacere perché molte interviste venivano registrate contemporaneamente, quasi ogni minuto. Ora che ci penso, è possibile che questa stanza sia stata la più silenziosa dell’intero locale. L’area degli introversi potrebbe essere un concorrente ma non ci sono stato, quindi non posso dirlo con certezza.

Ad essere sinceri, ero molto nervoso prima della nostra prima intervista e così anche Chris. Morten Rand-Hendriksen è stato il primo oratore della nostra lista e abbiamo chiacchierato di etica nel web design, un argomento piuttosto interessante. Il nostro collega Radu si è unito a noi per scattare foto e stalking Morten (solo scherzando) a cui guarda.

wceu media partner 2018 - tema con Morten

Dopo Morten, Hajj Flemings seguito, con il quale abbiamo parlato dei suoi audaci obiettivi di portare 10k aziende online con l’aiuto di WordPress. Una chat fantastica e stimolante che è stata! È bello conoscere le ambizioni delle altre persone, ti motiva.

wceu media partner 2018 - tema con Hajj

Dopo queste due interviste, abbiamo iniziato a sentirci a casa nella stanza dei Media Partners e le nostre menti si sono un po ‘rilassate. Durante le prossime interviste, ci sentivamo più come avere un altro giorno in ufficio, lasciando da parte il leggero disagio che ci stava trascinando un po ‘all’inizio.

Le interviste sono state divise in due slot. Sherry Walling, Sami Keijonen, e Mauricio Gelves erano i nostri ospiti per il giorno successivo.

Puoi trovare tutte queste interviste nella loro categoria dedicata sul blog di ThemeIsle. Sono sia video che di testo, quindi scegli la versione che preferisci.

Ecco il nostro quarto #WCEU intervista al Dr. Sherry Walling @zenfounder.

Domanda 1: sei un dottore di ricerca, psicologo, podcast e autore. Come sei stato coinvolto in WordPress? pic.twitter.com/H2Jq5NiMln

– ThemeIsle (@ThemeIsle) 18 giugno 2018

Quando non stavamo facendo le interviste, eravamo solo regolari partecipanti al WCEU; o stavamo prendendo il polso dell’evento facendo domande chiare a persone casuali.

Ecco due esempi:

Il leggendario @suyogyashukla ci parla del suo primo #WCEU pic.twitter.com/qu7y3RV9wv

– ThemeIsle (@ThemeIsle) 16 giugno 2018

La nostra breve intervista con Tom di @wordcandy_co sul suo primo @WCEurope Esperienza.#WCEU pic.twitter.com/twPGezUUpb

– ThemeIsle (@ThemeIsle) 17 giugno 2018

Vale la pena essere un media partner?

Senza esitazione, sì. Perché lo sto dicendo? Prendiamolo uno alla volta.

�� Tu impari. Come succede con qualsiasi cosa tu faccia per la prima volta nella tua vita, impari. Dopotutto, è qualcosa di nuovo per te, e qualunque cosa sia nuova ti insegna una lezione (buona o cattiva).

�� Incontri gli oratori. Non sono sicuro di quante possibilità avrai di incontrare gli oratori durante la conferenza e di parlare effettivamente del loro lavoro e del loro impatto nella comunità di WordPress. È bello sedersi da qualche parte dove nessuno ti disturba e porre a queste persone tutte le domande che potresti non essere in grado di trovare risposte in un altro modo. Voglio dire, stai incontrando alcuni dei grandi nomi che hanno mai contribuito a WordPress. È davvero bello vedere le cose da questo punto di vista.

�� Sviluppa nuove competenze. Se non hai mai fatto interviste dal vivo prima, potresti spaventarti un po ‘. "Non sarò in grado di farlo", "Ho sbagliato le domande", "Dirò qualcosa di brutto o sbagliato davanti all’intervistato", "Dimenticherò il loro nome o li chiamerò con un altro nome". Ma credimi, dopo averlo fatto una o due volte, non sentirai più nulla di simile. Puoi dire che in qualche modo diventa parte del tuo lavoro e lo tratti in questo modo, ti rilassi e inizi a goderti il ​​processo. Ad esempio, in seguito siamo stati media partner del WordCamp di Bucarest ed è stato molto più semplice per noi iterare.

��️ Promuovi il tuo marchio. Naturalmente, oltre alla nostra azione di volontariato, ThemeIsle ha ottenuto visibilità sia online che offline. Il nostro logo era lì accanto ad altre grandi aziende come Torque e WP Tavern; il materiale del nostro blog è stato promosso sui canali ufficiali dei social media WCEU; Ho contattato diverse persone per alcuni articoli per conto della nostra azienda, che aiuta ancora a costruire legami e connessioni; siamo stati presentati nella brochure ufficiale WCEU durante la conferenza. Mi sono sentito orgoglioso quando ho visto ThemeIsle lì nelle prime pagine dell’opuscolo.

�� Restituisci alla comunità. Vogliamo sempre restituire alla comunità in diversi modi, ed essere partner dei media WCEU è uno di questi. Contribuisci a promuovere uno dei più grandi eventi WordPress al mondo dedicando il tuo tempo e le tue risorse a farlo nel miglior modo possibile. Forse sei il motivo per cui un utente di WordPress arriva a WordCamp per la prima volta per curiosità, o forse decidono di essere coinvolti di più perché è divertente o trovano ispirazione in altre persone che stanno già contribuendo a WordPress. Sei il mediatore tra queste due parti.

�� Ti senti parte dell’equipaggio. Non importa se fai volontariato o stai collaborando in qualche modo, quando sei coinvolto in qualsiasi attività durante l’evento, non ti senti più un ospite. Ti senti come uno di loro – la squadra; come se fossi lì con uno scopo e non solo per partecipare. E ti senti in qualche modo utile.

Semplicemente esci dalla tua zona di comfort, che ho sempre incoraggiato. ��

E un bonus! Ottieni l’ingresso gratuito all’evento e alla cena di oratori e volontari. Giusto. Una sera prima dell’inizio della conferenza, c’è un incontro tradizionale e informale in cui tutti i relatori e i volontari si riuniscono in un luogo piacevole e accogliente (scelto in anticipo dagli organizzatori) per parlare di qualsiasi cosa. Cibo e bevande inclusi. Quindi, se sei un media partner, puoi partecipare a questa cena pre-evento.

Questa era la nostra visione dall’edificio di 20 piani in cui si è svolto l’incontro:

#wceu media partner alla cena dei relatori a Belgrado

La strada per Berlino!

Tra tre mesi, alcuni membri del nostro team saranno di nuovo a WordCamp Europe. Non tutta la squadra, però, ma avremo ancora rappresentanti sul campo. Al di là dell’essere media partner di nuovo, ma questa volta con il blog CodeinWP, anche i ragazzi che verranno si offriranno di nuovo volontari.

Inoltre, il nostro tema più recente, neve, è un micro-sponsor dell’evento (puoi individuarlo nella sezione Small Business). Quindi, ancora una volta, siamo lieti di svolgere un piccolo ruolo in questo grande raduno della comunità di WordPress.

Entusiasta di essere uno dei media partner di #WCEU quest’anno ���� pic.twitter.com/6z2DczW1Cl

– Codeinwp (@codeinwp) 28 febbraio 2019

Conclusione

È bello uscire dalla routine a volte e provare nuove cose. Essere coinvolti in diverse aree e sperimentare cose che normalmente non si possono fare può avere solo due risultati: o ti diverti molto e vuoi ripetere l’esperienza, o impari comunque qualcosa.

Ecco perché siamo di nuovo partner media WCEU quest’anno a Berlino e abbiamo già iniziato a pianificare il nostro viaggio, scrivere materiali, condividere sui social e spiare alcuni altri oratori interessanti che vorremmo intervistare quando arriveremo nella capitale della Germania.

Ora, ci piacerebbe ascoltare la tua storia sul contributo a WordCamp Europa. C’è qualcosa che vale la pena menzionare dalla tua parte? Inoltre, se hai domande per noi sull’esperienza, faccelo sapere tramite la sezione commenti.

Non dimenticare di partecipare al nostro corso intensivo per accelerare il tuo sito WordPress. Con alcune semplici correzioni, puoi ridurre i tempi di caricamento anche del 50-80%:

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map