Rapporto sulla trasparenza n. 23 – Crescere JustFreeThemes.com – Come, cosa, perché

Benvenuti alla 23a edizione del nostro mensile rapporto sulla trasparenza (per dicembre 2016). In questa serie, parlo delle mie esperienze nella gestione di un business WordPress e di cose correlate. Dai un’occhiata se vuoi vedere cosa sta succedendo dietro il sipario su CodeinWP, ThemeIsle e Revive.Social. Clicca qui per vedere i rapporti precedenti.


Migliorare la mia attenzione nel 2017

Probabilmente non sono la prima persona che senti dire questo, ma con il 2016 è probabilmente tempo di riflettere sulle cose che stavano succedendo e su cosa possiamo fare per migliorarle nel 2017.

Non ho ancora avuto la possibilità di fare una revisione completa dall’inizio alla fine dell’anno (dal punto di vista delle statistiche), ma ho identificato alcune cose che voglio cambiare nel modo in cui lavoro. Si potrebbe dire che la maggior parte di questi riguarda il mio modo personale di gestire il lavoro e non tanto gli adattamenti a livello aziendale. Tuttavia, credo che nella fase attuale dell’azienda, il mio coinvolgimento e il mio impegno siano molto importanti (dopo tutto, sono la persona più pagata qui, quindi permettetemi di guadagnare quella busta paga correttamente!).

Prima di tutto, non posso dire di essere un leader nato. O almeno non mi sento come uno. Mi considero un introverso, ma sono stato abbastanza curioso da non pensare all’imbarazzo, e invece mi concentro solo su come posso effettivamente costruire la mia attività. Questo alla fine mi ha portato nella posizione di leader di un’azienda, assumendo persone e cercando il bene comune di tutti (nella squadra). Ok, ma perché ti sto dicendo tutto questo? Sopportami; Spero che tutto sia chiaro in un minuto.

Qualcosa che ho capito molto tempo fa era che ho la tendenza ad evitare i conflitti (anche quando un conflitto potrebbe essere proprio quello che è necessario) e anche la paura di ciò che gli altri potrebbero dire o pensare di me. Immagino che tutti l’abbiamo in una certa misura.

Comunque, quelle paure mi hanno fatto paura di prendere determinate decisioni, anche se potrebbero essere buone decisioni, semplicemente perché ero preoccupato di ciò che i miei dipendenti / partner / clienti avrebbero pensato.

Solo per darvi un esempio, quando lavoravo con i clienti, preferivo di più "aggressivo" quelli, solo per evitare potenziali problemi. A lungo termine, è stata sicuramente una brutta cosa per gli affari. Un’altra cosa che tendo a fare è concentrarmi principalmente sulle cose che mi piace fare rispetto alle cose di cui l’azienda ha veramente bisogno al momento.

Questo è sicuramente qualcosa su cui voglio migliorare nel 2017. Ad esempio, credo che il team abbia bisogno di maggiori indicazioni su alcuni aspetti e maggiore chiarezza sulla visione dell’azienda.

Una piccola cosa che ho già iniziato a fare è raggruppare le attività in batch, in base al principale obiettivo comune per tutti loro (scusate, so che potrebbe non sembrare chiaro se non vedete il nostro Redbooth). Sto anche incoraggiando tutti a evitare il multi-tasking e ad avere maggiore chiarezza quando si lavora su qualsiasi compito sia a portata di mano. Sto anche cercando di avere in mente le stesse linee guida quando gestisco le mie cose. Il che mi porta al prossimo punto:

È JustFreeThemes qui per rimanere?

justfreethemes

JustFreeThemes è un progetto che abbiamo avviato (o piuttosto assunto) praticamente esattamente due anni fa. L’ho sempre trattato come un "cosa secondaria" (probabilmente uno dei miei errori). Sono stato disposto a lasciare che le cose si sviluppassero in modo naturale o anche da sole, e quindi ho pianificato di intervenire una volta che il sito inizia a ottenere una certa trazione.

Ad ogni modo, negli ultimi giorni, ho finalmente deciso di dedicare un po ‘di tempo ad approfondirlo e alla ricerca di diverse angolazioni e opportunità.

Ecco i miei approfondimenti (potrebbero essere utili se stai lavorando in una tua attività di natura simile):

Alcuni retroscena: il nome originale del sito era FreeWPThemes.in. Lì pubblicizzavo uno dei nostri temi gratuiti e non ricordo davvero come, ma alla fine ho parlato con il precedente proprietario della possibilità di acquisire il sito. Nel gennaio 2015, abbiamo concluso l’accordo e l’ho ottenuto per $ 1000 … quindi non molto.

Proprio fuori dal cancello, penso che abbiamo iniziato bene. Abbiamo aggiunto markup schema.org al sito, classifiche, titoli e descrizioni ottimizzati, siti demo sotto iframe e ottenuto un nuovo dominio per l’intero sito – uno più generico – JustFreeThemes.com. Madalin ha preso in carico il progetto, gestendo tutto e occupandosi di aggiungere nuovi temi.

Essendo appassionato dell’argomento nel suo insieme e sentendomi un po ‘frustrato dalle imperfezioni della directory ufficiale di WordPress.org, volevo semplicemente dare alle persone un posto dove poter vedere dimostrazioni tematiche affidabili, proprio come gli sviluppatori volevano che fossero visti, invece di guardare alcuni dati di esempio scadenti.

Avevo intenzione di fare molto di più con il sito e mi sarebbe piaciuto dedicare del tempo extra ad esso, ma considerando lo stato del progetto e il suo potenziale, non aveva senso fare altro fino a quando non è arrivato almeno 10 volte più traffico.

Quindi, avanti veloce fino ad oggi, e … non è cambiato molto. JFT è ancora un progetto piuttosto piccolo dal punto di vista delle entrate (circa $ 1000 al mese), ma finalmente devo capire la realtà che non si sommerà mai a nulla se non passo abbastanza tempo a lavorarci, non importa quanto piccolo possa essere.

Quindi il primo ordine del giorno è stato capire veramente come le persone usano il sito, come può crescere, o almeno per imparare cosa serve per costruire un motore di ricerca di temi migliore.

Quando si tratta di traffico, ecco i progressi del progetto finora, dal giorno in cui l’abbiamo ottenuto, fino ad ora:

statistiche di justfreethemes GA

Solo l’ultimo mese ha visto 30.000 download di temi attraverso il sito.

Prendilo con un po ‘di sale, poiché la mia opinione è ovviamente distorta, ma vedo JFT come la migliore alternativa al repository WordPress.org oggi sul web. (Nota. Non sto dicendo che è necessariamente migliore del repository stesso, ma è la migliore alternativa.)

Ogni giorno, stiamo cercando di migliorare l’esperienza di tutti con il sito, inclusi sia gli utenti finali che gli autori del tema.

Per il primo, stiamo lavorando per migliorare gli screenshot e il modo in cui presentiamo i temi, migliorare le descrizioni e fornire demo migliori in generale (presentando più tipi di pagine / post, ecc.). Per quest’ultimo, stiamo rendendo possibile avere un tema elencato sul sito in circa 1 mese di tempo gratuitamente, o pagare una commissione per spostarlo più in alto nell’elenco e farlo online in un paio di giorni (ancora rivedere e controllare tutto).

Ad ogni modo, considerando tutte le analisi che ho fatto di recente sul sito (analisi, mappe di calore, ecc.), Voglio condividere un paio di idee e conclusioni con te su ciò che è importante in una directory di temi.

Ma perché te ne importa, giusto?

In primo luogo, credo che la maggior parte di questi suggerimenti siano applicabili anche a WordPress.org. In secondo luogo, come risultato diretto del primo, queste informazioni possono aiutarti a rendere più visibile il tuo tema nel repository WordPress:

  • Lo screenshot è cruciale. Da quello che sto vedendo, i CTR per i temi variano dallo 0,5% al ​​5% in base al solo screenshot. In altre parole, puoi migliorare il CTR del tuo tema fino al 1000% se ottieni uno screenshot migliore.
    • Inoltre, dividi test dei tuoi screenshot. Probabilmente divisi testali più di quanto tu stia testando qualsiasi altra cosa. Ovviamente, lo screenshot non dovrebbe essere fuorviante, ma deve essere attraente.
  • Ogni tema può beneficiare di più schermate, ma in un modo diverso da quello che stai pensando in questo momento. Fondamentalmente, non intendo avere una giostra di schermate o qualcosa del genere. Quello che voglio dire è che nell’era dei temi multiuso, abbiamo bisogno di schermate diverse per lo stesso tema in base esclusivamente alla categoria che l’utente sta navigando (se vogliamo avere schermate rappresentative). Ad esempio, lo stesso tema dovrebbe utilizzare uno screenshot diverso se visualizzato nella categoria eCommerce rispetto a quando visualizzato nella categoria aziendale.
  • Le directory dei temi non sono Google, la pagina 2 non è morta. Rispetto ad altre nicchie, le persone fanno molto clic per cercare il tema WordPress perfetto. Su JFT abbiamo 20 temi per pagina e il 18% delle persone continua a visitare la pagina 2. Inoltre, vediamo spesso temi sulla 20a posizione che ottengono gli stessi clic dei temi sulla 1a.
  • Abbiamo chiesto ai nostri visitatori se si preoccupano che un tema abbia una versione lite e pro. Al 49% non importa.

Costruire un motore di ricerca migliore per i temi WP

Circa il 5% dei visitatori utilizza la funzione di ricerca di JFT. Questo non è molto, scontato, ma credo che potremmo ancora beneficiare di una barra di ricerca più importante (e WordPress.org potrebbe anche).

La maggior parte delle ricerche sono molto generiche. Suppongo che questo sia il caso anche di WordPress.org. Le nostre ricerche più popolari sono portfolio, blog, business, video, una pagina, musica e riviste.

La cosa da fare qui sarebbe iniziare a tracciare quelle ricerche per capire cosa funziona e cosa no e se gli utenti trovano ciò che stanno cercando (capire l’intento reale dell’utente dietro le ricerche).

Avere tali dati è il primo passo per migliorare qualsiasi cosa correlata alla ricerca. Ad esempio, credo che se il team di WordPress.org avesse iniziato con un approccio del genere, i tag tematici introdotti di recente avrebbero avuto un aspetto diverso (sarebbero stati più allineati con le aspettative degli utenti).

Ad ogni modo, le cose stanno diventando complesse con la ricerca nel suo insieme. Dopotutto, Google è stata costruita esclusivamente sull’idea di ottenere la ricerca giusta, quindi non dovremmo trascurarla anche se sembra essere solo una piccola parte dei nostri siti.

La ricerca predefinita su JFT è attualmente ordinata per pertinenza, prendendo in considerazione anche la data. Credo che sia così anche la ricerca su WordPress.org. Vediamo quindi come potremmo migliorarlo:

  • Rimuovi le parole di arresto dal motore di ricerca, come: WordPress, tema, anche reattivo.
  • Tieni traccia delle forme di coinvolgimento risultanti dalle ricerche.
    • Il numero totale di download non è così rilevante, IMO. Ad esempio, forse il tema A è un ottimo tema commerciale, ma un terribile tema di eCommerce, quindi tutte le metriche di coinvolgimento dovrebbero essere monitorate per categoria.
  • La pertinenza del testo è un fattore di classificazione della ricerca terribile. Ad esempio, un tema chiamato "Attività commerciale" non deve necessariamente essere il miglior risultato per le persone che usano "attività commerciale" come termine di ricerca.

Tutto questo misterioso "Fidanzamento" è in realtà piuttosto problematico.

Voglio dire, tenere traccia del coinvolgimento può essere difficile.

Ad esempio, se parliamo di temi gratuiti, tenere traccia dei download come coinvolgimento può essere facilmente giocato (è successo su WordPress.org) e non è nemmeno una vera metrica di soddisfazione. Fondamentalmente, tutto ciò che ti dice è quanto è buono il marketing di un determinato tema. Lo stesso con ThemeForest, in cui i numeri di vendita non sono la metrica di fine, l’utilizzo a vita o le installazioni attive lo sono, e questo è ciò con cui Envato probabilmente misurerà Envato Elements.

Tracciare solo le vendite come misura del successo incoraggerà naturalmente gli autori a concentrarsi sulla vendita e non sulla fidelizzazione o sulla soddisfazione del cliente a lungo termine, il che è sbagliato. Gli utenti possono rendersi conto che un tema non è eccezionale dopo 1 mese di utilizzo effettivo (in una configurazione di produzione), ad esempio, ma non possono davvero valutarlo basso o chiedere un rimborso a quel punto.

Inoltre, la maggior parte delle metriche tradizionali di successo sono di natura puramente quantitativa. Visite, download, condivisioni, ecc … mentre tutti si sommano bene, conta anche avere una metrica di successo qualitativa. Per JFT, è la percentuale di utenti che hanno scaricato un tema. Attualmente, siamo circa al 20% e vogliamo aumentare tale numero al 25% quest’anno.

Abbiamo già identificato categorie in cui il contenuto non è eccezionale e le conversioni sono molto più basse, ma d’altra parte abbiamo anche appreso che gli utenti che hanno eseguito una ricerca convertono al 32% … solo per enfatizzare il valore di un bene motore di ricerca ancora una volta.

In generale, ecco le categorie più popolari di JFT e le corrispondenti conversioni di download (dati di una settimana):

Le migliori categorie di conversione di JFT

Per riferimento, la conversione della home page è al 14,55%, cosa che non puoi vedere nello screenshot.

Nuovi temi nel repository, hanno la possibilità di brillare?

Quando esegui una directory di temi, devi anche assicurarti che i nuovi temi possano ottenere il giusto risultato nel dimostrarsi. Per questo, devono essere resi pubblici in determinati intervalli di tempo che possono essere sufficienti "tempo di trasmissione," per così dire, prima che un altro nuovo tema diventi vivo.

Ad esempio, in questo momento, i temi su WordPress.org diventano attivi non appena vengono approvati da un amministratore. Una soluzione migliore, penso, sarebbe quella di aggiungere tutti i temi appena approvati a una coda, e poi farli distribuire al pubblico al ritmo di, diciamo, 2 al giorno, o qualunque sia il volume. Il ragionamento è che avere 10 temi pubblicati in un giorno, e quindi nulla per la settimana successiva, rende davvero lo spazio troppo affollato per qualsiasi di questi temi per ottenere sufficiente attenzione da parte dei visitatori.

Come puoi vedere, ci sono molte sfide da affrontare, ma speriamo di affrontarne molte nel 2017. Una ricerca interna migliore e più intelligente ci aiuterebbe sicuramente in JFT e aprirebbe le porte a cose nuove e più interessanti – come un plugin JFT, per esempio.

Un plug-in del genere potrebbe consentire agli utenti di cercare e visualizzare in anteprima temi gratuiti direttamente nella dashboard di WordPress (Il 95% dei nostri utenti ha dichiarato che gli sarebbe piaciuto), che si spera che incoraggino le persone a tornare più spesso per vedere le novità.

(Se c’è qualcuno qui che vorrebbe lavorare insieme su questo, non esitare a farmelo sapere. Dovrebbe essere un progetto API REST interessante.)

Nel complesso, c’è ancora molto da fare con JFT per trasformarlo in una directory tematica superiore. Facciamo ancora affidamento principalmente sui temi elencati in WordPress.org (che vengono esaminati attentamente e quindi più affidabili), ma non diamo ancora abbastanza credito agli autori – non ci sono nemmeno account degli autori sul sito. Tuttavia, stiamo davvero cercando di avviare il progetto con successo e di impegnarci di più nel 2017.

Questa è sicuramente una grande esperienza di apprendimento per noi, e si spera anche un modo per spingere idee al team di WordPress.org, in modo che anche la ricerca predefinita migliori. Ed eccolo qui, abbiamo la nostra visione.

E i nostri altri prodotti?

Ok, quindi avrei potuto rendere questo rapporto centrato al 90% su JFT. Per compensare un po ‘, permettimi di condividere alcuni altri aggiornamenti relativi al prodotto:

Abbiamo appena rilasciato un versione premium di Feedzy – un plug-in che consente di visualizzare feed RSS nei post, nelle pagine o nei tipi di contenuto personalizzati.

feedzy

Tutto è reattivo e ottimizzato per i dispositivi mobili, puoi avere feed illimitati, importare immagini dai feed, memorizzazione nella cache dei feed, supporto dei widget, modelli di feed e l’intero output è pronto per gli affiliati. Davvero fantastico, e ci è costato molto lavoro. Le vendite stanno andando forte finora! (Di più la prossima volta.)

Stiamo continuando a sperimentare mercati. Abbiamo appena rilasciato La mozione su MojoMarketplace e Hestia Pro su ThemeForest, guarda il video del prodotto, a proposito:

Le vendite di Hestia Pro sono … qual è la parola … terribile al momento, ma la versione gratuita funziona davvero bene. In generale, avere un tema a fianco di altri 5000 in un enorme mercato rende le vendite difficili. Alcune persone mi hanno chiesto se la situazione è buona o cattiva. Bene, vedo ThemeForest come un nuovo canale di distribuzione, quindi qualsiasi numero di vendite che otteniamo ne vale la pena. Per quanto riguarda lo sviluppo del tema, praticamente non ci sono sforzi extra, i ragazzi di ThemeForest ci stanno semplicemente fornendo un ottimo input per il QA.

"Zerif Lite di nuovo nel repository!"

… è stata la mia reazione iniziale.

Ma come si è scoperto, il tema è tornato solo per 1 giorno e per errore. Abbiamo cercato di collaborare con il TRT per 2-3 mesi per fare le correzioni richieste e riavere il tema in modo permanente, ma non sono ancora sicuro che avremo mai raggiunto un consenso (o almeno presto) . Tuttavia, vale comunque la pena provare poiché abbiamo trovato un terreno comune in termini di come non influenzare gli utenti di temi esistenti e risolvere i problemi.

Ancora una parola veloce sul precedente rapporto sulla trasparenza. Quindi, come forse saprai, ho viaggiato a Cuba giusto dopo WCUS per avere un po ‘di tempo libero. Mettendo da parte le cose divertenti, ho anche imparato che CodeinWP.com non funziona lì perché è ospitato su Google Cloud, suppongo (senti, Kinsta?). Ad ogni modo, vorrei ringraziare la squadra per aver partecipato e condiviso le loro intuizioni per il rapporto, e spero che tutti li abbiate trovato utili.

Come sempre, grazie per aver letto e supportato CodeinWP! Rimani aggiornato e ricevi nuovi rapporti a te abbonandoti qui:

Tutte le modifiche e le riscritte spiritose di Karol K.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map