Abbiamo pianificato di non costruire mai più un altro nuovo tema – Rapporto sulla trasparenza n. 45

Rapporto sulla trasparenza n. 45


Benvenuti alla 45a edizione del rapporto mensile sulla trasparenza (per ottobre 2018). In questa serie, passo attraverso tutto ciò che è accaduto nel settore a cui potresti essere interessato, in particolare le cose dietro le quinte. Clicca qui per vedere i rapporti precedenti.

Ecco il sommario di ciò che verrà:

1. Un anno fa ho detto che non avremmo sviluppato un altro nuovo tema. L’abbiamo appena fatto. Ecco perché

2. La velocità della pagina conta davvero per il SEO? TL; DR: lo fa

3. Che tipo di contenuto WordPress pubblicizzare su Facebook?

4. Ripensare i rapporti sulla trasparenza

1. Un anno fa ho detto che non avremmo sviluppato un altro nuovo tema. L’abbiamo appena fatto. Ecco perché

Mentre stavo guardando alcuni dei rapporti sulla trasparenza più popolari sul sito, mi sono imbattuto in questo. È quello in cui ho discusso del futuro di Gutenberg e ho cercato di capire qual è la strada migliore da seguire per un negozio a tema come il nostro.

Ho concluso che non avremmo costruito un altro nuovo tema, ma ci saremmo concentrati sul trasformare i nostri temi esistenti in nomi familiari.

È trascorso circa un anno e mezzo da quando quel rapporto è stato pubblicato … e stiamo per pubblicare un nuovo tema. Cosa dà?

Un paio di motivi:

a) Ho letto male il mercato

Per essere più precisi, ho sottovalutato la rapidità con cui i costruttori di pagine avrebbero preso il sopravvento, inoltre mi aspettavo che Gutenberg avrebbe avuto più appello tradizionale più rapidamente.

E va bene, Gutenberg sta crescendo piuttosto bene, ma questa è ancora una crescita tra la folla degli sviluppatori e non riguarda molto il panorama degli utenti casuali – i costruttori di pagine continuano a regnare supremi.

In quel rapporto di 1,5 anni fa, ho menzionato in che misura i generatori di pagine sono arrivati ​​in termini di UX e anche quanto gli utenti del generatore di pagine adorano i temi del framework leggero, come GeneratePress o OceanWP.

Allo stesso tempo, pensavo ancora che quei temi sarebbero rimasti di nicchia, mentre l’altro "temi di business" (chiamiamoli così) continuerebbe a dominare il mercato.

Tuttavia, osservando le classifiche di popolarità oggi, i temi del framework stanno crescendo molto più velocemente di quanto mi aspettassi e probabilmente occuperanno i primi posti prima o poi. Check-out Hot 100 di GoDaddy elenco, ad esempio. Nel gennaio del 2018 eravamo al numero 4 (vedi sotto). A maggio siamo scesi al 13 ° posto.

godaddy top

Inizialmente, supponevo che avremmo ottenuto una versione stabile di Gutenberg molto prima in modo da poter ruotare Hestia nella sua direzione – capitalizzare sulla popolarità del tema e sulla sua nuova compatibilità con Gutenberg. Tuttavia, come tutti sappiamo, le cose si sono mosse molto più lentamente.

Per trovare una soluzione qui, dovevamo acquisire o costruire una forte partnership con un tema quadro già esistente (che si è rivelato difficile), o costruire noi stessi un tale tema.

Un modo era quello di adattare Hestia e rimuovere molti elementi da esso, ma ciò non era davvero possibile senza rompere i siti di utenti esistenti.

Ecco perché alla fine abbiamo deciso di creare un nuovo tema da zero.

Con ciò, abbiamo anche avuto piena libertà su come volevamo affrontare questo. Quindi abbiamo puntato non solo a concentrarci sui creatori di pagine come Elementor o Beaver Builder, ma anche a introdurre alcuni nuovi concetti che sono pronti a lavorare con Gutenberg una volta implementati nel core di WordPress.

b) Anche lo sviluppo web è avanzato, rivelando nuove possibilità

Questo torna a ciò che stanno facendo temi come OceanWP o Astra. Hanno introdotto alcuni concetti interessanti che hanno anche dimostrato di essere popolari tra gli utenti, il che probabilmente ha rafforzato la loro posizione complessiva.

Da parte nostra, senza un nuovo standard come Gutenberg, non potremmo semplicemente andare avanti e rilasciare Bootstrap da Hestia, introdurre nuove soluzioni CSS, ecc. In sostanza, non sapevamo cosa potevamo aspettarci da Gutenberg e quale modifica avrebbe resistito prova del tempo.

Abbiamo fatto un grande rifrattore con Hestia, ma il front-end era ancora difficile da migrare senza rompere alcuni siti di utenti.

Quindi, un nuovo tema entra in scena! L’obiettivo con neve è consentire un’esperienza il più vicino possibile al vero editing front-end, usando Gutenberg.

Sono felice di segnalare che siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo e stiamo per pubblicare questo nuovo tema! È già fuori! Vedi qui.

Anteprima rapida:

neve

  • Neve funziona con il plug-in AMP ufficiale pronto all’uso: il tema AMP si presenta esattamente come il tema mobile non AMP.
  • Inoltre non utilizza jQuery, Bootstrap o qualsiasi cosa che la maggior parte degli sviluppatori considererebbe pesante.
  • Il "tematizzazione" parte di Neve si riduce alla cura di elementi e blocchi HTML comuni – cose come input, pulsanti, contenitori, larghezza del contenuto, ecc. Tutto il resto può essere gestito attraverso i generatori di pagine.
  • Il primo giorno, renderemo disponibili anche un pacchetto di progetti di siti di partenza, per ora integrati in Elementor, ma presto verranno aggiunte anche altre versioni realizzate da Gutenberg.
  • Infine, se ci sono utenti Zerif qui, sarai felice di sapere che Neve importa automaticamente il contenuto della tua pagina iniziale Zerif e lo converte in una pagina Elementor che ha esattamente lo stesso aspetto.

Quindi eccolo qui, un nuovo tema che è la nostra risposta alla direzione del mercato dei temi di WordPress con il grande cambiamento di Gutenberg proprio dietro l’angolo!

2. La velocità della pagina conta davvero per il SEO?

Ad esempio, so che ogni esperto SEO e il loro cane hanno ripetutamente ripetuto il mantra della velocità del sito, ma in realtà è importante in un modo evidente?

Personalmente, sono abbastanza ossessionato dalla velocità della pagina ultimamente e sto monitorando tutto il tempo. Parte di ciò è dovuta al nostro nuovo prodotto – Optimole (uno strumento di accelerazione del sito centrato sull’immagine). Sono anche ossessionato moderatamente dal monitoraggio dei nostri numeri di traffico, come la maggior parte dei proprietari di siti.

optimole

Unirmi a queste due ossessioni mi ha portato a una scoperta interessante:

Ad un certo punto, abbiamo iniziato ad avere problemi con quello che era il nostro post più popolare. Lo stiamo aggiornando continuamente e facendo girare le cose abbastanza regolarmente. Quindi, in uno degli aggiornamenti, Karol ha introdotto alcuni grafici cartografici piuttosto utili (dal punto di vista dell’utente) che mostrano i tempi di caricamento degli host da varie località in tutto il mondo. C’erano ~ 10 di quei grafici.

Nonostante i grafici vengano caricati dai server di Google (basati sull’API di Google Chart), sembra che ci siano così tante cose da scaricare in generale che a volte il crawler viene bloccato.

Di tanto in tanto la pagina entrava e usciva dalla cache di Google. Google lo ha ancora classificato, solo in una posizione molto più bassa – probabilmente facendo affidamento su altri modi di vedere il contenuto della pagina (una volta anche usando la versione AMP).

Dopo aver rimosso quei grafici, abbiamo visto questo:

crescita del traffico

Va bene, quindi qual è il grosso problema, perché è stato il problema così difficile da identificare?

Bene, i tempi di caricamento della pagina sembravano buoni in analisi. Quindi non è che potremmo generare un allarme basato solo su quello. Abbiamo pensato che la causa fosse nel contenuto della pagina o qualcosa del genere.

L’unica cosa che ci ha fatto pensare è stata la mancanza di "Copia cache" etichetta accanto alla scheda di Google:

etichetta cache

Se non vedi questa cosa accanto alle tue inserzioni, in pratica significa che anche se la pagina è nell’indice, qualcosa non è giusto (almeno questo è ciò che la nostra conclusione è ora).

Consiglio di usare strumenti come Faro e la velocità della pagina di Google Analytics per dare un’occhiata più granulare alle tue pagine più importanti.

Esistono molti strumenti di monitoraggio del sito come Pingdom che possono fare molto di più in merito a test di velocità e problemi di debug di questo tipo.

Ancora una volta, nel nostro caso, il problema non era nello stabilire la connessione iniziale, ma piuttosto quanto tempo impiegava a caricare completamente la pagina, più la quantità di JavaScript che era stata eseguita lungo la strada.

3. Che tipo di contenuto WordPress pubblicizzare su Facebook?

Un paio di mesi fa, abbiamo smesso di lavorare attivamente sui nostri annunci di Facebook e invece abbiamo avuto solo alcuni annunci automatici in esecuzione. Si trattava principalmente di gestire alcuni scenari di negozi classici come retargeting di persone che hanno visualizzato i nostri prodotti o tentativi di recupero di carrelli abbandonati.

Tuttavia, volevamo sperimentare un diverso tipo di annunci automatici, quelli in cui abbiamo preso i contenuti dai nostri feed RSS del blog e li abbiamo offerti alle persone che hanno visitato i nostri siti la scorsa settimana.

L’obiettivo era quello di creare una configurazione esente da manutenzione (grazie a IncreaseMedia per averci aiutato) che era produttivo ma anche non fastidioso per gli utenti.

Dividiamo gli articoli in due categorie:

  • tutto il contenuto ✏️
  • contenuto importante ❗

Per il secondo gruppo, anche se è più piccolo, abbiamo aumentato il budget. Ciò ha dato a tutti i post del blog le stesse possibilità.

Facebook essendo Facebook, ha ottimizzato le cose e ha iniziato a pubblicizzare quelle con più impegno più spesso e ad un prezzo inferiore.

Cosa abbiamo imparato da questo?

Se sei come me, vuoi sempre fornire ai tuoi lettori il contenuto esatto che stanno cercando. Quindi, per esempio, quando vedo che le ricerche piacciono "migliori società di hosting" diventare popolare, capisco quello che la persona vuole sapere e cerco di rispondere alle loro domande nei nostri contenuti.

Tuttavia, non ho idea di quale tipo di contenuto un utente (che ha già visitato il nostro blog) sarà interessato mentre navigano casualmente su Facebook. Dopotutto non stanno inserendo parole chiave, quindi sono in competizione con i video sui gatti e le notizie di Kardashian, che mi piaccia o no.

Questo è il motivo per cui l’intero esperimento di annunci di Facebook nel pubblicare contenuti di blog è così interessante per me. Posso finalmente vedere cosa le persone sono ansiose di leggere quando non sono disposte a risolvere un compito specifico.

Quindi, a quanto pare, i post più popolari del blog CodeinWP sono le nostre raccolte di temi gratuiti. Ciò che funziona bene è anche il nostro "VS" post ��, in particolare quelli che confrontano WordPress con altre piattaforme.

La mia ipotesi è che anche se le persone potrebbero non cercare su Google cose del genere "WooCommerce vs Shopify" tanto più, quando vedono un post simile su Facebook, sono costretti a fare clic su di esso e vedere se la loro piattaforma preferita è salita in cima.

Il post più popolare in questo senso è questo:

  • INFOGRAFICO: WooCommerce vs Magento vs Shopify

Su ThemeIsle, in modo simile, abbiamo questo in cima:

Successivamente, anche gli articoli pratici sembrano forti; con quelli più popolari:

Non sono un esperto di annunci di Facebook, ma immagino che la chiave di cose come quelle che stiamo facendo qui sia quella di indirizzare la curiosità dell’utente. Forse BuzzFeed aveva sempre ragione?!

Se ti stai chiedendo, stiamo ancora spendendo alcune migliaia di dollari ogni mese per le pubblicità di Facebook. È ancora difficile per me dire se l’investimento vale davvero o meno nel grande schema delle cose, sebbene …

Dal punto di vista ideologico, non sono troppo appassionato di alcune delle cose che Facebook sta facendo. Tuttavia, ciò che è innegabile è che c’è una grande lotta per l’attenzione degli utenti in corso, e se rifiuti di partecipare per qualsiasi motivo, perderai per impostazione predefinita.

Nel nostro caso, con oltre 500 articoli su vari argomenti nel caveau, vogliamo metterli davanti ai nostri lettori attraverso tutti i canali disponibili.

4. Ripensare i rapporti sulla trasparenza

Se hai letto il rapporto finora, potresti aver notato che è un po ‘diverso da quello del mese scorso.

Non ero del tutto soddisfatto dei risultati del mese scorso in termini di traffico e coinvolgimento, quindi ho chiesto feedback e ho deciso che probabilmente avrei dovuto tornare al precedente stile di rapporti.

Mentre ad alcune persone piacciono le intuizioni personali, non è il motivo principale per cui leggi questi rapporti. Le intuizioni e le lezioni pratiche hanno molto più valore, quindi è quello su cui mi concentrerò di più.

Guardando i precedenti rapporti, sembra che quelli più popolari siano stati costruiti attorno ad alcuni drammi (come la sospensione di Zerif) o attorno a un’intuizione unica che ho condiviso. Quindi prenderò a cuore questo e te ne darò un po ‘di più nei prossimi rapporti (non drammatici, approfondimenti)!

Mi piacerebbe sentire la tua opinione sulla relazione di questo mese!

Ok, questo è tutto ciò che ho per te questo mese. Grazie per aver letto e per averci supportato! Rimani aggiornato e ricevi nuovi rapporti a te abbonandoti qui:

Tutte le modifiche e le riscritte spiritose di Karol K.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map