Wordless Serverless ha senso? Shifter vs HardyPress – Le migliori opzioni “Headless WordPress Hosting” a confronto

Quando ho visto i termini per la prima volta, "hosting WordPress senza testa" e "WordPress a statico," Non sapevo cosa farsene. Ero come dicono quei poveri padroni di casa del Westworld, "non mi sembra niente." Tuttavia, l’idea – nota anche come WordPress senza server – sta rapidamente prendendo piede, e ora abbiamo due società entusiasmanti che mirano a portare WordPress senza server alle masse.


Per farla breve, ho dovuto indagare e arrivare al fondo di tutta questa cosa di hosting WordPress senza testa!

Quello che segue è uno sguardo al mondo di WordPress senza server: che cos’è, come funziona, perché preoccuparsene, chi dovrebbe potenzialmente utilizzare l’hosting di WordPress senza testa, quale soluzione scegliere quando si costruisce la propria configurazione.
Ha senso WordPress senza server per statico? Shifter vs HardyPress - le migliori opzioni di hosting WordPress senza testa a confronto

Sommario:
Che cos’è WordPress senza server? | Perché dovrei passare a WordPress statico? | Chi ha bisogno dell’hosting WordPress statico? | Chi dovrebbe evitare WordPress senza server? | Come funziona WordPress senza server | Le migliori compagnie di hosting statico di WordPress a confronto | E la performance? | E se volessi fare il fai-da-te? | Verdetto finale

Che cos’è WordPress senza server?

La parola "serverless" non è forse il più fortunato poiché hai ancora bisogno di un server per far funzionare il tuo sito. "WordPress statico" è molto più sul punto.

Quindi l’idea di base di serverless / headless / WordPress su statico è questa:

Invece di generare al volo ogni pagina ogni volta che un visitatore vuole vederlo, puoi convertire l’intero sito di WordPress in HTML statico solo una volta, e quindi servirlo a tutti più volte.

Qualcosa come questo:

WordPress statico

Ciò significa che WordPress senza testa è un processo che prevede due passaggi principali:

  1. Converti il ​​tuo sito in statico (HTML, JS, CSS).
  2. Servilo alle persone anziché al normale sito.

Ora il bello è che puoi ancora lavorare con il tuo "seme" Sito WordPress abbastanza normalmente. Puoi aggiungere plugin, temi, lavorare in wp-admin, cambiare roba, scrivere post, ecc. L’unica differenza è che quando hai finito con tutto ciò, devi convertire il sito in statico e distribuirlo nel server.

Ci sono alcuni pro e contro dell’intero approccio:

Perché dovrei passare WordPress a statico?

�� Ci sono quattro ragioni per cui WordPress senza testa ha senso:

  • Sicurezza. Statico è extra sicuro. Rischierei persino di dire che non potrebbe essere più sicuro. No Plugin di sicurezza di WordPress, nessuna linea guida di sicurezza (password complessa molto?) può darti lo stesso livello di sicurezza di WordPress senza testa. Fondamentalmente, dal momento che è tutto statico, non c’è nulla in cui entrare … a parte la macchina reale su cui si trovano i file.
  • Velocità. I file statici si caricano più velocemente dei file dinamici. Le istruzioni PHP e le chiamate al database richiedono semplicemente tempo per essere eseguite. Poiché non esiste tale passaggio, i carichi statici si caricano più velocemente.
  • Costo (di solito). L’host statico dovrebbe essere più economico da ospitare, soprattutto se hai a che fare con traffico intenso. Dopotutto, per elaborare le richieste è necessario meno tempo del server. Lo sto dicendo "dovrebbero" essere più economico perché, in pratica, non è sempre così.
  • Pace della mente. Questa è una combinazione di tutto quanto sopra, ma l’idea è che non devi preoccuparti di aggiornamenti, hacker, manutenzione, interruzione degli script, plugin errati, ecc. I siti statici semplicemente non dovrebbero rompersi.

però!

�� Ci sono anche alcuni svantaggi piuttosto significativi, soprattutto se ci sei abituato "Vita WordPress":

  • Riconvertimento costante. Devi riconvertire e distribuire il tuo sito ogni volta che cambi qualcosa su di esso.
  • I commenti non funzionano. Ok, sono duro. Quello che intendo in realtà è che i commenti nativi di WordPress non funzioneranno su WordPress senza server, inoltre nessun plug-in di commento funzionerà, poiché richiedono tutti PHP. L’unica soluzione è passare a Disqus o utilizzare i commenti social (quelli lavorano fuori da fonti esterne).
  • I moduli di contatto non funzionano. Stessa cosa con i commenti. Se desideri moduli di contatto, devi incorporarli da Typeform, Google Forms, Zendesk, ecc.
  • WooCommerce non funziona. Ancora una volta, WooCommerce è un plugin PHP dinamico. Pertanto, non funzionerà. Alternativa? Passa a Shopify e quindi integralo con il tuo sito WordPress.
  • I forum non funzionano. Dimentica bbPress. Zendesk offre alcune alternative.
  • I moduli di iscrizione non funzionano. Se stai usando BuddyPress o WPMember o qualcosa del genere, ancora una volta, quelli non funzioneranno. Dovrai passare a terze parti.
  • La ricerca nel sito non funziona (!) – Sì, la tua buona ricerca sul sito di WordPress non funzionerà. Puoi aggiungere un modulo di ricerca di Google in alternativa. Sebbene, ovviamente, non sia perfetto.

In generale, se usi un plug-in che fa qualsiasi tipo di cosa dinamica in base all’input del visitatore, non funzionerà su WordPress senza server.

Svantaggi piuttosto significativi, questo è certo. Inoltre, quelle configurazioni di WordPress senza server sono generalmente difficili da gestire se vuoi seguire il percorso extra budget (leggi: vuoi pagare solo per lo spazio del server e non iscriverti a una soluzione WordPress senza server pronta all’uso, che confronteremo un paio di sotto).

In tale scenario fai-da-te (abbiamo anche alcune opzioni serverless fai-da-te per te nella parte inferiore del post), ti ritroverai a lavorare con la riga di comando e a comunicare direttamente con il server. Certo, questo potrebbe non spaventarti affatto, ma per molte persone, questa è un’area vietata.

Quindi, prima di elencare alcune delle soluzioni di hosting WordPress senza testa disponibili sul mercato, rispondiamo innanzitutto alla domanda principale:

Chi ha comunque bisogno di WordPress statico?

Quindi, nonostante i vantaggi dell’installazione senza server di WordPress – la velocità, la sicurezza, ecc. – Non è il punto centrale di WordPress che il sito rimanga dinamico con le modifiche che avvengono in tempo reale?

È difficile discuterne, ma ci sono ancora alcuni casi d’uso in cui WordPress a statico può essere, oserei dire, migliore.

a) Liberi professionisti e agenzie

Questo è probabilmente lo scenario più intuitivo in cui WordPress statico ha molto senso.

Come libero professionista di WordPress, potresti incontrare clienti che non sono molto interessati ad aggiornare i loro siti (o persino a pubblicare contenuti) dopo aver passato loro le chiavi del loro nuovo sito. Forse hanno bisogno di un semplice sito Web per biglietti da visita o non possono essere disturbati a fare qualcosa per mancanza di tempo o personale.

Allo stesso tempo, non vuoi lasciare nulla al caso e rischiare che il sito si rompa quando viene scoperta una nuova vulnerabilità o qualcosa del genere.

In uno scenario simile, la conversione del sito in WordPress senza server ha senso:

  • il sito rimane online,
  • è accessibile a tutti,
  • è più economico correre e velocissimo,
  • il cliente non si accorge nemmeno che la cosa sia statica.

Ottieni tutti i vantaggi di static senza nessuno degli aspetti negativi.

In tal caso, sostanzialmente tratti WordPress come il tuo "costruttore di siti" e non il motore che esegue il sito.

b) Siti che non vengono aggiornati molto

In generale, avere WordPress sempre attivo, in cui tutti possono accedere in qualsiasi momento e fare qualunque cosa, non è perfetto.

Se stai già aggiornando il sito molto raramente, perché non bloccarlo completamente quando non succede nulla. Ancora una volta, questo è un modo molto più sicuro ed economico per ospitare il tuo sito.

Parlando di sicurezza:

c) Siti in cui la sicurezza è della massima importanza

Ci sono casi in cui non puoi permetterti che il tuo sito venga violato e incasinato.

E questo non riguarda nemmeno i siti governativi e così via (sono sicuro che quelli vivono secondo i loro standard).

Ad esempio, anche la tua scuola locale non vorrebbe che il suo sito web venisse violato e popolato con contenuti inappropriati o osceni. Anche se situazioni del genere possono essere spiegate in seguito, la cattiva impressione rimane.

d) Siti con disegni complessi

Nell’era del page builder, non è raro gestire la maggior parte del design di un sito nel builder stesso. Come in, ottieni solo un semplice tema di framework e quindi costruisci tutto il resto con il tuo generatore di pagine preferito, oltre ad aggiungere alcuni fantastici plugin al mix per rendere il sito davvero eccezionale.

L’unico problema è che un tale sito finisce per essere un po ‘pesante, il che si rifletterà nelle sue prestazioni.

Passare WordPress in modalità statica è una soluzione rapida che consente comunque di avere un bell’aspetto e allo stesso tempo prestazioni eccezionali.

e) Siti che hanno seguito il loro corso

Alcuni tipi di siti Web hanno una durata di conservazione limitata. Questo potrebbe essere un sito per un evento, un progetto fondato da un governo, un archivio, ecc.

Alcuni di questi siti potrebbero dover rimanere attivi per motivi legali o semplicemente per mostrare alle persone cosa era successo. Mantenere quei siti come installazioni di WordPress live crea solo problemi. Devi mantenerli, tornare indietro e aggiornare gli script, ecc. È quindi molto più semplice passare da WordPress a statico e finirlo per sempre.

f) Siti dimostrativi

Ad esempio, se sei uno sviluppatore di temi WordPress e vuoi mostrare le demo dei tuoi temi, perché non farlo su siti statici piuttosto che eseguire alcune elaborate configurazioni di WordPress?

Un vantaggio è che non devi preoccuparti che le cose si rompano dopo un aggiornamento WordPress canaglia.

Chi dovrebbe evitare l’hosting WordPress statico / senza testa?

Questo fondamentalmente tutto si riduce a un fattore:

Se ti ritrovi ad accedere a wp-admin ogni giorno, evita WordPress senza server!

Sarebbe troppo lavoro su base giornaliera per avere a che fare con la conversione del tuo sito da WordPress a statico più e più volte. Soprattutto dal momento che la conversione di un blog di dimensioni normali può richiedere da 20 a 60 minuti.

In altre parole, se sei un blogger, puoi dimenticare l’hosting WordPress senza testa.

Come funziona WordPress senza server

Esistono due percorsi per WordPress senza server:

  • percorso (a) si tratta semplicemente di iscriversi a una società di hosting WordPress senza testa e di lasciargli fare tutto il lavoro pesante, mentre puoi usare una dashboard di WordPress abbastanza normalmente
  • percorso (b) è l’approccio fai-da-te; questa volta sei tu che prendi un sito WordPress funzionante, lo converte in statico e poi lo carica da qualche parte da dove può essere servito ai visitatori

Concentriamoci sul percorso (a) qui poiché è più accessibile per tutti. Avremo alcuni consigli sull’approccio DIY alla fine di questo post.

In generale, tutte le soluzioni statiche di WordPress disponibili sono simili dal punto di vista dell’utente.

La tua esperienza inizia quando ti iscrivi con una piattaforma di hosting WordPress senza testa e scegli il tuo piano, il solito.

Successivamente, puoi creare nuovi siti WordPress con un solo clic, anche di più.

Questi siti sono completamente funzionali e possono essere utilizzati come qualsiasi altro sito Web WordPress. Puoi accedere, installare temi, plugin, configurare qualsiasi cosa, apportare modifiche personalizzate al codice, il lotto.

L’unica differenza è che il sito non è visibile al pubblico. Per tutto ciò che vale, è personale ambiente di stadiazione.

Quando hai finito di apportare le tue modifiche, puoi distribuire tutto al pubblico con un paio di clic. Il processo di conversione potrebbe richiedere del tempo a seconda della dimensione del sito (20-60 minuti, anche).

L’intero processo è molto accessibile e semplificato al massimo. Fondamentalmente, non sono richieste competenze di gestione del server.

Detto questo, ci sono alcune differenze tra le migliori soluzioni WordPress senza server.

Le migliori compagnie di hosting statico di WordPress a confronto: Shifter vs HardyPress

Ecco una tabella di confronto semplificata:

Shifter vs HardyPress

Shifter
HardyPress

Prezzo$ 0 – 1 sito
$ 20 – 3 siti
$ 40 – 10 siti
$ 90-30 siti
$ 150-50 siti
$ 5 – 1 sito
$ 25 – siti illimitati
da $ 350 – personalizzato per le imprese
Prova gratuitaY – è richiesta la carta di creditoY – nessuna carta di credito richiesta
CDNYY
HTTPSYY
I backupYY
Ricerca del sito integrata e moduli di contattoNY

Ecco il confronto approfondito. I giocatori che stiamo esaminando qui sono: Shifter vs HardyPress:

Shifter (Www.getshifter.io)

Shifter è il leader dello spazio di hosting WordPress senza testa al momento della scrittura. Sono in giro da un po ‘e sono riusciti a fornire soluzioni alternative per alcuni dei comuni "WordPress a statico" problemi (come commenti, e-commerce, ecc.).

Nel complesso, l’azienda è attiva nella comunità di WordPress – sponsorizzando WordCamps – e anche in sintonia con le reali esigenze degli utenti.
Logo del cambio

Prezzi e caratteristiche

Shifter offre cinque principali livelli di prezzo, in base al numero di siti di cui hai bisogno e alla quantità di traffico che ti aspetti. Nel complesso, quelli sembrano soddisfare bene i diversi tipi di utenti che potrebbero essere interessati a convertirsi in Shifter.

  • $ 0 – 1 sito // 1 GB di memoria // 1 GB di trasferimento mensile // backup disabilitati
  • $ 20 – 3 siti // 10 GB di memoria // 1 TB di trasferimento mensile
  • $ 40 – 10 siti // 500 GB di memoria // 5 TB di trasferimento mensile
  • $ 90 – 30 siti // 1 TB di archiviazione // 10 TB di trasferimento mensile
  • $ 150 – 50 siti // 1 TB di archiviazione // 10 TB di trasferimento mensile

C’è anche una prova gratuita che ti consente di testare le cose (è richiesta la carta di credito). E ricevi uno sconto pagando ogni anno.

Questo prezzo non è pazzo, ma anche non super attraente. Se gestisci 2-10 siti, puoi trovare opzioni di hosting standard più economiche là fuori. Certo, non capisci "WordPress a statico" capacità.

Nel complesso, Shifter offre alcune funzioni interessanti oltre all’intera cosa statica. Tutti i piani includono CDN e HTTPS integrati. Sono disponibili anche domini personalizzati. Inoltre: c’è un gateway abilitato HTTP / 2, è pronto per IPv6, ottimizzato per la cache e ottieni un anno di backup.

Come usarlo

Shifter offre una soluzione eccezionalmente facile da usare. E lo dico sul serio.

Il processo di registrazione è … un processo di registrazione. Nulla di bello. Roba standard.

Successivamente, accedi a un pannello utente pulito attraverso il quale puoi svolgere tutto il tuo lavoro.

cruscotto del cambio

Qui è dove puoi creare il tuo nuovo sito. Dopo aver dato un nome al tuo progetto, vedrai il pannello principale del progetto.

progetto del cambio

Il primo passo naturale è fare clic su "Avvia WordPress" e mettiti al lavoro sul tuo sito.

Dopo l’inizializzazione di WordPress (questa operazione potrebbe richiedere circa un minuto), sarai in grado di accedere alla dashboard.

Sono affari come al solito lì. Un pannello wp-admin standard in cui puoi fare tutte le solite cose.

Quando hai finito con le modifiche, puoi tornare a Shifter e fare clic su "creare" per creare quello che viene chiamato un artefatto: la tua immagine statica finale del sito.

artefatto del cambio

Tale artefatto può quindi essere reso pubblico – distribuito.

A prima vista, il tuo sito WordPress senza server sembra qualsiasi altro sito. Dice persino "WordPress" quando cerchi il meta tag del generatore nel sorgente HTML.

La cosa da tenere presente è che Shifter non rimuove automaticamente tutte le cose incompatibili con l’elettricità statica. Ciò significa che se lasci abilitato il sistema di commento nativo di WordPress, Shifter visualizzerà i moduli di commento: non funzioneranno nella configurazione di hosting WordPress finale senza testa.

Quando hai finito con tutte le modifiche, puoi semplicemente "ferma WordPress" e bloccalo, lasciandoti solo con la versione statica disponibile al pubblico.

Pro e contro

��

  • Ottima interfaccia utente, incredibilmente facile da usare.
  • Puoi eseguire più istanze di WordPress e gestirle tutte in modo altrettanto efficiente.
  • Buona gestione delle versioni statiche del sito precedentemente generate. Puoi implementare uno qualsiasi di essi.
  • Schieramento automatico del manufatto più recente.
  • Avvia e arresta l’istanza di WordPress dal vivo ogni volta che lo desideri.

��

  • Passare da WordPress a statico può richiedere del tempo. Con abbastanza contenuti, stai guardando anche un’ora.
  • Non così pazzo per il prezzo riguardante ciò che è là fuori nel regno dell’hosting WordPress standard.
  • Impossibile distribuire il sito a un dominio personalizzato nel piano gratuito. Puoi aggiungerli quando su uno dei piani a pagamento.

HardyPress (Www.hardypress.com)

HardyPress è una società simile a Shifter nel modo in cui affronta l’aspetto di facilità d’uso dell’hosting WordPress senza testa, ma offre anche un po ‘più di modifiche qua e là.

Allo stesso modo, sono anche coinvolti nella community di WordPress, facendo apparizioni su WordCamps e indirizzando il loro prodotto a WordPress pro.

È interessante notare che con HardyPress è ancora possibile utilizzare i moduli di contatto e la ricerca del sito sul sito Web statico di WordPress.
Logo HardyPress

Prezzi e caratteristiche

Il modello di prezzi di HardyPress è un po ‘più semplificato: ci sono quattro livelli che differiscono nel prezzo in modo molto più significativo rispetto a Shifter:

  • $ 5 – 1 sito // 500 MB di archiviazione // 50 GB di trasferimento mensile
  • $ 25 – siti illimitati // 3 GB di memoria // 500 GB di trasferimento mensile
  • $ 80 – siti illimitati // 30 GB di memoria // 2 TB di trasferimento mensile
  • da $ 350 – configurazioni personalizzate per le imprese

È disponibile una versione di prova gratuita (nessuna carta di credito richiesta), oltre a uno sconto se paghi annualmente.

HardyPress offre una manciata di funzionalità ordinate, tra cui cose come l’arresto di WordPress (disattiva l’istanza di WordPress dal vivo quando hai finito di lavorare), tutto è ospitato su Amazon AWS, CDN integrato, HTTPS, Ricerca sul sito HardyPress (un motore di ricerca per il tuo sito; poiché la ricerca standard di WordPress non funzionerà), un anno di backup.

Inoltre, se si utilizza in modo specifico Contact Form 7, funzionerà anche dopo la conversione statica in WordPress. Non sono sicuro di quale tipo di inganno ci sia dietro, ma è fantastico!

Come usarlo

Al momento della stesura di questo documento, non puoi semplicemente creare un nuovo account su HardyPress. Devi richiedere l’accesso tramite il modulo di iscrizione e quindi attendere un po ‘per essere approvato (nel mio caso ci sono voluti 10 minuti, quindi nessun problema).

Dopodiché, lavorare con la piattaforma è abbastanza chiaro. In primo piano, HardyPress ti chiede se vuoi importare un sito esistente o crearne uno nuovo.

Importazione HardyPress

Se vai con il sito vuoto, devi solo fornire i tuoi nuovi dettagli di accesso a WordPress e fare clic su Installa.

Dopo un po ‘, vedrai la tua nuova istanza di WordPress sulla dashboard.

Dashboard di HardyPress

D’ora in poi, tutto è abbastanza facile da lavorare. Analogamente a Shifter, ottieni l’installazione del tuo sito WordPress standard.

Devo anche darlo all’onboarding di HardyPress. Roba buona!

Onboarding HardyPress

Puoi accedere al tuo sito WordPress, apportare qualsiasi modifica desideri e quindi distribuirli al pubblico. Al termine, basta chiudere il sito.

Vale anche la pena notare che il pannello utente sembra essere più ricco di funzionalità rispetto a Shifter. Ricevi molte informazioni su come connetterti al tuo sito tramite FTP e PHPMyAdmin, le distribuzioni che hai generato, i backup che ti vengono conservati, i plugin attivi sul tuo sito WordPress (in più se sono compatibili con HardyPress), e anche un pannello informativo generale che elenca cose come l’utilizzo del servizio, la versione di PHP, le impostazioni della cache e altro.

Plugin HardyPress WordPress

Quando visualizzi il tuo sito statico, sembra proprio come la sua versione di WordPress – come ti aspetteresti.

Pro e contro

��

  • L’implementazione del sito sembra essere più rapida rispetto a Shifter.
  • Pannello utente più ricco di funzionalità rispetto a Shifter, ma anche facile da usare.
  • Avvia e arresta l’istanza di WordPress dal vivo ogni volta che lo desideri.
  • Esegui più configurazioni di WordPress.
  • Puoi scaricare i tuoi backup direttamente dal pannello utente.
  • È possibile ripristinare su una determinata distribuzione dall’archivio.

��

  • Mentre è bello avere Contact Form 7 ancora funzionante, non puoi ricevere più di 100 messaggi se sei sul piano più economico.
  • Ancora un po ‘caro rispetto ai piani di hosting WordPress standard disponibili sul mercato.

Che dire della performance?

Per fare questo test, ho creato lo stesso sito su ciascuna delle piattaforme e poi le ho distribuite come statiche. I siti funzionano allo stesso modo Tema Estia, una manciata di plugin, oltre ad alcuni contenuti di test.

Ecco i tempi di caricamento:

Prestazioni Shifter vs HardyPress

Shifter
HardyPress

Il sito generato in1,5 min1 minuto
Washington DC0.25s0.42s
Francoforte0.29s0.78s
San Francisco0.22s0.23s
Sydney0.89s0.48s

Nel complesso, è tutto molto buono! Come puoi vedere, i tempi di caricamento difficilmente superano il segno di mezzo secondo. Questo probabilmente ha molto a che fare con la CDN integrata. Certo, i siti non erano così complessi in sé, ma mostrano ancora quale tipo di aggiornamento delle prestazioni puoi aspettarti dall’hosting WordPress senza testa.

E se volessi fare il fai-da-te?

Se non hai paura di sperimentare WordPress senza server da solo – come in, senza uno strumento user-friendly come uno di quelli sopra – allora ci sono una manciata di opzioni praticabili per te:

  • Puoi ottenere un account Google Cloud o Amazon AWS da solo e quindi passare WordPress in modalità statica utilizzando il WP2Static collegare.
  • Uso Gatsby. È un framework JS che ti aiuta a costruire siti con React. Puoi usarlo anche per rendere statico WordPress. Ecco un lezione.
  • Uso Bref. Uno strumento che migra un sito WordPress esistente in un sito serverless perfettamente funzionante, basato su AWS. Ecco un buono lezione

Ognuno di essi comporta un diverso livello di "DIY-ness" quindi dovresti trovare qualcosa che si adatti alle tue esigenze e competenze.

Il verdetto finale su WordPress senza server

Nel complesso, lo spazio di hosting statico di WordPress in sé è la mia sorpresa numero 1 dell’anno.

L’unica idea di prendere un sito WordPress con tutte le funzionalità e convertirlo in HTML statico mi è sembrato un disastro. Ma ora, dopo aver esaminato ciò che è possibile in prima persona, devo ammettere che … ha senso.

Non è innovativo, non è adatto al 100% per ogni scenario, ma sicuramente ha senso per alcuni.

Per quanto riguarda Shifter vs HardyPress: qualcuno di loro è migliore? Non proprio. Entrambe le soluzioni sono abbastanza simili dal punto di vista dell’utente e hanno i loro pro e contro. Ci sono prove gratuite disponibili con entrambe, quindi è probabilmente meglio sperimentare una delle due e prendere una decisione in base a ciò.

Non dimenticare di partecipare al nostro corso intensivo per accelerare il tuo sito WordPress. Con alcune semplici correzioni, puoi ridurre i tempi di caricamento anche del 50-80%:

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map