Come creare un sito multilingue di WordPress: considerazioni + tutorial passo-passo

Come creare un sito multilingue di WordPress


Ricerca del modo migliore per creare un sito multilingue di WordPress?

Bene – avviso spoiler – non c’è "migliore" Plugin di traduzione WordPress per ogni singola situazione. Ma ci sono alcuni strumenti che funzioneranno nella maggior parte delle situazioni, così come alcune domande che puoi porti per scegliere il plugin e l’approccio giusto per te.

In questo post, inizieremo condividendo queste importanti considerazioni per aiutarti a capire l’approccio migliore per te.

Quindi, poiché sappiamo che probabilmente desideri una soluzione passo-passo, ti mostreremo anche come creare rapidamente un sito multilingue di WordPress con TranslatePress, che è una buona soluzione completa.

�� Passa al tutorial passo-passo

Cinque domande da considerare quando si crea un sito multilingue di WordPress (e si sceglie un plug-in)

Oltre a darti un’idea di alcune importanti considerazioni durante la creazione di un sito multilingue di WordPress, le tue risposte a queste domande ti aiuteranno anche a scegliere il plugin di traduzione WordPress giusto per le tue esigenze.

1. "Sto cercando di classificare i contenuti in più lingue" (SEO multilingue)?

Innanzitutto, considera quanto sia importante il SEO multilingue per il tuo ragionamento per la creazione di un sito multilingue WordPress. Cioè, vuoi essere in grado di classificare i contenuti per diverse lingue nei motori di ricerca come Google?

La maggior parte dei plugin di traduzione di WordPress dedicati creerà una versione completamente indicizzabile del tuo sito che può essere classificata su Google. Questo è vero per:

Alcuni consentono di utilizzare sottodomini, sottocartelle o domini separati, mentre altri consentono solo di utilizzare sottocartelle. Non c’è una vera differenza dal punto di vista SEO e Google espone gli altri pro e contro di ogni approccio qui.

Oltre a creare un sito indicizzabile, ci sono anche altre considerazioni SEO multilingue, come il tag hreflang e la creazione di sitemap XML per le diverse traduzioni del tuo sito. Ad esempio, TranslatePress ha un’integrazione SEO Yoast che ti consente di creare sitemap multilingue.

Tuttavia, se non ti interessa il SEO multilingue, potresti essere in grado di utilizzare una soluzione molto più semplice come Google Language Translator (a seconda delle risposte alle altre domande).

Questo plugin traduce dinamicamente i tuoi contenuti nella lingua scelta dall’utente utilizzando Google Translate. È un approccio orribile dal punto di vista SEO, ma è anche il modo più semplice per creare un sito multilingue.

2. "Quanto devono essere accurate le mie traduzioni?"

Se la precisione della traduzione è della massima importanza per te, ti consigliamo probabilmente di utilizzare uno strumento in cui traduci manualmente tutti i tuoi contenuti (o chiedi a un libero professionista di farlo per te).

Tuttavia, puoi anche risparmiare molto tempo utilizzando la traduzione automatica, che è diventata molto più accurata negli ultimi tempi.

Non è nemmeno una o / o una situazione: alcuni degli strumenti ti permetteranno di iniziare a utilizzare la traduzione automatica, quindi tornare indietro e rivedere / modificare quelle traduzioni.

Il modo più semplice per utilizzare la traduzione automatica è con Weglot plugin / servizio. Ti metterà in funzione con un sito multilingue funzionante e SEO-friendly entro i primi 30 secondi dall’installazione del plug-in.

però, TranslatePress e WPML entrambi rendono anche abbastanza facile l’accesso alla traduzione automatica, anche se Weglot e TranslatePress sono gli unici due che ti consentono di applicare la traduzione automatica in tutto il sito (andrai articolo per articolo con WPML).

O il Plugin per traduttore di lingua di Google consente alle persone di tradurre dinamicamente il tuo sito utilizzando Google Translate, ma non puoi modificare le traduzioni (e ricorda che non è SEO friendly).

3. "Quanto è importante che sia in grado di tradurre ogni singolo bit di testo?"

Ci sono molti piccoli pezzi per creare un sito multilingue di WordPress. Oltre ai contenuti della tua pagina, devi anche considerare i contenuti di:

  • Il tuo tema
  • Plugin, inclusi i page builder
  • Plugin SEO e social share (come le descrizioni SEO e Open Graph)
  • Testo alternativo all’immagine
  • Lumache URL (non solo le lumache post, ma anche le lumache di categoria … tutte le lumache!)
  • Prodotti WooCommerce
  • Eccetera.

La maggior parte dei principali plug-in di traduzione ti consente di tradurre tutto, ma alcuni ne fanno pagare di più e alcuni sono più convenienti di altri.

Nel complesso, le opzioni più convenienti per le traduzioni complete sono probabilmente TranslatePress o Weglot a causa del modo in cui sono strutturate le loro interfacce di traduzione.

Parlando di…

4. "Come voglio gestire le mie traduzioni?"

Alcuni plugin multilingue di WordPress offrono un’interfaccia affiancata come WPML:

Interfaccia WPML

Altri sostanzialmente duplicano l’editor di WordPress per ogni traduzione, senza alcun aspetto affiancato: ecco come funziona Polylang.

E altri ancora ti danno un’anteprima dal vivo del tuo sito web in cui puoi semplicemente fare clic sul testo che vuoi tradurre. Un esempio da TranslatePress:

Come tradurre il contenuto

Alcuni – come Weglot – ti danno persino accesso a più interfacce diverse (sia una affiancata che una visiva come TranslatePress).

Ti consigliamo di scegliere l’interfaccia più produttiva per te.

Al di là dell’interfaccia stessa, chiediti se hai bisogno di altre persone per poter accedere alle traduzioni (ad es. Liberi professionisti)? Alcuni plugin sono migliori in questo rispetto ad altri. Per esempio, WPML e TranslatePress darti account Translator dedicati e Weglot ti consente di aggiungere collaboratori al suo dashboard cloud.

5. "Qual è il mio budget?"

Finalmente c’è il prezzo. Alcuni plugin di traduzione offrono versioni gratuite praticabili, mentre altri sono pagati esclusivamente.

Delle opzioni popolari, TranslatePress e Polylang probabilmente hanno le versioni gratuite più generose, mentre Weglot è praticabile per siti molto piccoli (il suo piano gratuito consente fino a 2.000 parole).

Se sei disposto a pagare, ecco come si confrontano i prezzi per le versioni premium:

  • WPML – parte da $ 79
  • TranslatePress – parte da € 79
  • Polylang – parte da € 99
  • Weglot – parte da € 9,90 al mese (Weglot utilizza la fatturazione in abbonamento in stile SaaS)

Con queste domande fuori mano, entriamo in come creare un sito web multilingue di WordPress.

Procedura dettagliata: come creare un sito multilingue di WordPress

Per questo tutorial, useremo TranslatePress, in quanto è una buona opzione versatile che funzionerà in molte situazioni.

Tuttavia, a seconda di come hai risposto alle domande precedenti, uno strumento diverso potrebbe essere migliore per la tua situazione. Se desideri uno sguardo più nitido agli strumenti più popolari, dai un’occhiata al nostro confronto TranslatePress vs WPML vs Weglot vs Polylang.

Per iniziare, supponiamo che tu abbia già un sito WordPress che desideri tradurre. In caso contrario, puoi seguire le nostre guide su come installare WordPress e come impostare il nome di dominio, l’hosting e WordPress.

Oltre a ciò, supponiamo che tu abbia la versione gratuita del plugin TranslatePress installata e attivata sul tuo sito. Se non lo fai, puoi andare a Plugin → Aggiungi nuovo e cerca "TranslatePress" per installarlo.

Ora, passiamo alla traduzione …

1. Scegli le lingue predefinite e di traduzione

Per iniziare, devi scegliere la lingua in cui si trova il tuo sito e le lingue in cui desideri tradurre i tuoi contenuti.

Per fare questo, vai a Impostazioni → Traduci Premere:

  • Aggiungi la lingua corrente del tuo sito come Lingua di default
  • Aggiungi le lingue in cui desideri tradurre i contenuti del tuo sito in Tutte le lingue elenco

Scegli le lingue per il sito multilingue

2. Scegli se utilizzare la traduzione automatica (opzionale)

TranslatePress ti consente di scegliere tra:

  • Tradurre manualmente i tuoi contenuti da zero
  • Utilizzo di Google Translate per tradurre automaticamente i contenuti del tuo sito (puoi ancora tornare indietro e modificare manualmente le traduzioni automatiche in seguito, ovviamente)

Se si desidera utilizzare la traduzione automatica automatica, impostare Google Traduttore menu a discesa a sì. Se si sceglie , dovrai anche generare e inserire una chiave API per Google Translate.

Puoi seguire queste istruzioni dettagliate per generare la tua chiave API. L’API di traduzione di Google Cloud è gratuita per un massimo di 500.000 caratteri (non parole). Successivamente, pagherai $ 20 per milione di caratteri. Stai pagando questo a Google, non a TranslatePress.

Ho scelto di abilitare la traduzione automatica: ecco come si presenta:

API di Google Translate

3. Configurare il selettore di lingua

Per impostazione predefinita, TranslatePress aggiunge un pulsante di cambio lingua appiccicoso nell’angolo in basso a destra del tuo sito. Se si desidera modificarne il posizionamento o la funzionalità, è possibile utilizzare Cambio lingua sezione.

Ad esempio, è possibile disabilitare il selettore di lingua appiccicoso mobile e invece optare per aggiungere il selettore di lingua come voce di menu andando a Aspetto → Menu:

Configura il selettore di lingua

Dopo aver fatto le tue scelte, assicurati di fare clic Salvare le modifiche.

4. Traduci i tuoi contenuti

Ora che hai configurato le impostazioni di base, sei pronto per iniziare a tradurre i contenuti del tuo sito (o a modificare le traduzioni automatiche da Google Translate).

Per farlo, fai clic su Traduci sito opzione nella barra degli strumenti di WordPress:

Accedi alle traduzioni del sito

Questo lancerà un’anteprima dal vivo del tuo sito in quello che è fondamentalmente il personalizzatore di WordPress.

Per tradurre qualsiasi contenuto, non devi fare altro che passarci sopra con il mouse e fare clic sull’icona della matita blu:

Come tradurre il contenuto

È quindi possibile apportare le modifiche nella barra laterale. Puoi vedere come ci sono già informazioni lì da Google Translate.

Se lo desideri, puoi anche cambiare la lingua per vedere l’anteprima dal vivo in un’altra lingua:

Cambia layout

E un altro strumento utile è la possibilità di visualizzare in anteprima il contenuto come utente connesso rispetto a un utente disconnesso. Questo è utile se mostri contenuti diversi alle persone in base al fatto che abbiano o meno effettuato l’accesso a WordPress:

Modifica contenuti multilingue di WordPress

Nota a margine: la versione premium consente di applicare lo stesso principio a diversi ruoli utente, il che è ottimo per i siti di appartenenza a WordPress.

Oltre a fare clic sulle stringhe per tradurle, puoi anche utilizzare il menu a discesa / la ricerca di stringhe per selezionare determinate stringhe. Questo a volte può semplificare la ricerca di testo e, con la versione premium, è anche possibile tradurre testi dietro le quinte, come i titoli SEO e le descrizioni che aggiungi con Yoast SEO:

Cerca stringhe

Per tradurre altri contenuti, è possibile fare clic sui collegamenti del sito nell’anteprima dal vivo per accedere a tali pagine. In alternativa, puoi accedere a quel contenuto sul frontend del tuo sito e fare clic su Traduci sito pulsante nella barra degli strumenti.

5. Prova a diventare Pro per una migliore SEO e più funzionalità

Tutto ciò che ti ho mostrato sopra è gratuito al 100%. Se desideri più funzionalità, la versione Pro parte da € 79 e aggiunge:

  • Maggiore controllo sulle impostazioni SEO e dei social media, con opzioni per tradurre slug URL, titoli / descrizioni SEO, testo alternativo all’immagine, tag grafici sociali e altro
  • Account traduttori dedicati (ad es. Se desideri assumere un libero professionista per gestire le tue traduzioni)
  • Opzione per visualizzare l’anteprima del contenuto in base al ruolo dell’utente (anziché solo allo stato di accesso)
  • Possibilità di creare diverse voci di menu di navigazione in base alla lingua di un utente
  • Funzionalità per reindirizzare automaticamente gli utenti in lingue diverse in base alla loro posizione

Avvolgendo

La creazione di un sito multilingue di WordPress è un grande sforzo (e abbastanza bloccato), quindi ti consigliamo di passare un po ‘di tempo a porsi domande importanti prima di scegliere quale plug-in desideri utilizzare.

Prendi in considerazione la funzionalità di un plug-in multilingue di WordPress quando si tratta di cose come:

  • SEO-friendly
  • Precisione (ad es. Traduzioni automatiche o manuali)
  • Completezza della traduzione
  • Interfaccia
  • Prezzo

E se vuoi una buona opzione gratuita che dovrebbe funzionare per la maggior parte delle situazioni, TranslatePress è facile da iniziare, come hai visto con il tutorial.

Altre domande su come creare un sito multilingue di WordPress? Chiedere via nella sezione commenti!

Non dimenticare di partecipare al nostro corso intensivo per accelerare il tuo sito WordPress. Con alcune semplici correzioni, puoi ridurre i tempi di caricamento anche del 50-80%:

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map