11 modi per velocizzare le prestazioni di WordPress (AGGIORNATO)

11 modi per velocizzare le prestazioni di WordPress (AGGIORNATO)

11 modi per velocizzare le prestazioni di WordPress (AGGIORNATO)
СОДЕРЖАНИЕ
02 июня 2020

11 modi per velocizzare WordPress


Come accelerare WordPress sicuramente è un argomento caldo in questi giorni. Fortunatamente, ci sono numerose tecniche che puoi impiegare per fare il lavoro. Quindi, il nostro intento qui è elencare ogni trucco che conosciamo che può rendere il tuo sito WordPress molto più veloce.

Ma prima…

Questo è un post degli ospiti di Ahsan Parwez.

Perché dovresti accelerare WordPress?

Ci sono molte ragioni che suonano i campanelli d’allarme, alcuni dei quali potrebbero anche causare gravi preoccupazioni per te:

  1. I motori di ricerca (come Google) classificano i siti Web con tempi di caricamento rapidi superiori a quelli a caricamento lento. Quindi, se vuoi migliorare la tua posizione nelle SERP, migliorare la velocità dovrebbe essere una delle tue priorità.
  2. Gli studi hanno dimostrato che il caricamento del sito velocità superiore a 2 secondi di solito si traduce in circa il 47 percento dei visitatori che rimbalzano dal sito web. Quindi, per mantenere interessata circa la metà dei tuoi visitatori, dovresti accelerare WordPress.
  3. Gli acquirenti online sono il lotto più impaziente; si aspettano che la pagina si carichi entro un secondo. Quindi, se gestisci un negozio di e-commerce su WordPress, è meglio che ti prepari per apportare importanti miglioramenti in modo che la tua azienda possa essere più redditizia.

Come testare il tempo di caricamento del tuo sito web?

Per prima cosa, devi analizzare il tempo di caricamento corrente per il tuo sito Web. Tieni presente che questa velocità può differire da una pagina all’altra, in quanto dipende da vari fattori, vale a dire:

  • la dimensione di quella particolare pagina,
  • quante richieste genera,
  • sia che sia memorizzato nella cache o meno,
  • e, infine, che tipo di contenuto (statico o dinamico) ospita.

La homepage di un sito Web viene generalmente utilizzata come punto di riferimento per testare il tempo di caricamento. Per verificare la velocità di un sito Web, i seguenti tre strumenti sono ampiamente utilizzati in tutto il Web:

  1. WebPageTest.org
  2. Tools.Pingdom.com
  3. Page Speed ​​Insights (questo non riporta realmente il tempo di caricamento della pagina, ma evidenzia gli elementi che puoi modificare per accelerare WordPress)

Va bene, è tempo di iniziare a parlare di affari! Ecco gli 11 modi per velocizzare WordPress:

1. Scegli un migliore fornitore di web hosting

Il principale fattore che influenza la velocità di un sito Web è l’hosting del tuo sito Web WordPress. Potrebbe sembrare una buona idea ospitare il tuo nuovo sito Web su un provider di hosting condiviso che offre "illimitato" larghezza di banda, spazio, e-mail, domini e altro ancora. Tuttavia, il punto che di solito ci perdiamo riguardo a questa offerta è che gli ambienti di hosting condiviso non riescono a fornire buoni tempi di caricamento nelle ore di punta del traffico e la maggior parte non riesce a fornire il 99% di uptime in un dato mese.

L’hosting condiviso tende a offrire prestazioni peggiori perché stai condividendo lo stesso spazio del server con innumerevoli altri siti Web e non si sa quante risorse stanno usando gli altri. Inoltre, non sai esattamente quanto siano ottimizzati i server.

Per fortuna, il settore dell’hosting web è avanzato con la tecnologia e i prezzi dei provider di cloud hosting sono diminuiti con il passare del tempo. Al momento, è possibile acquistare server cloud dedicati da SiteGround, DigitalOcean, Amazon Web Services e persino Google Compute Engine a un prezzo nominale. Tuttavia, l’impostazione di tali server può essere un’attività scoraggiante in quanto è necessario configurare i server da zero. Ci sono provider di web hosting come Cloudways (dove lavoro) che rendono il compito di configurare server cloud ottimizzati come fare clic e avviare.

2. Usa un tema / framework WordPress leggero

I temi di WordPress con molti elementi dinamici, cursori, widget, icone social e molti altri elementi luccicanti sono immensamente attraenti per gli occhi. Ma ricorda questo: se hanno troppi elementi e dimensioni di pagina più elevate, causeranno sicuramente un duro colpo al tuo server web.

L’opzione migliore qui è usare temi leggeri. Una soluzione è quella di scegliere uno dei temi WordPress predefiniti. Un altro è provare qualcosa di simile neve, costruito dagli stessi ragazzi dietro CodeinWP.


neve neve

Author (s): Themeisle

Versione corrente: 2.7.1

Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2020

neve.2.7.1.zip


96% di commenti


833.922 Download


2.7.1Version

In alternativa, per un sito Web ricco di funzionalità, puoi anche optare per un tema che utilizza un buon framework come Bootstrap o Foundation.

3. Ridurre le dimensioni dell’immagine

Le immagini contribuiscono maggiormente all’incremento delle dimensioni di una determinata pagina Web. Il trucco è ridurre le dimensioni delle immagini senza comprometterne la qualità.

Se ottimizzi manualmente le immagini utilizzando l’estensione PageSpeed ​​Insights di Chrome o Photoshop o altri strumenti, il processo richiederà molto tempo. Fortunatamente, ci sono plugin disponibili per quasi tutto ciò a cui puoi pensare, inclusa l’ottimizzazione delle immagini. Quelli che vale la pena menzionare sono:

L’uso di uno qualsiasi dei plugin sopra menzionati sul tuo sito WordPress ridurrà drasticamente le dimensioni delle immagini, migliorando così la velocità del tuo sito web.

4. Minimizza i file JS e CSS

Se gestisci il tuo sito Web tramite lo strumento Google Page Speed ​​Insights, verrai probabilmente informato sulla riduzione al minimo delle dimensioni dei tuoi file CSS e JS. Ciò significa che riducendo il numero di chiamate CSS e JS e le dimensioni di tali file, è possibile migliorare la velocità di caricamento del sito.

Inoltre, se conosci i temi di WordPress, puoi studiare le guide fornito da Google e fare un po ‘di riparazione manuale. In caso contrario, ci sono plugin che ti aiuteranno a raggiungere questo obiettivo; il più popolare è il Autoptimize che può aiutarti a ottimizzare CSS, JS e persino HTML del tuo sito Web WordPress.

5. Utilizzare meccanismi di memorizzazione nella cache avanzati con un plug-in di memorizzazione nella cache

I plugin di memorizzazione nella cache di WordPress (ad es. W3 Total Cache) sono presenti da molto tempo, semplificando le complesse attività di aggiunta delle regole di memorizzazione nella cache agli elementi del sito Web. La combinazione di tali plug-in con meccanismi avanzati di memorizzazione nella cache come Varnish potrebbe aiutarti a migliorare la velocità di caricamento del tuo sito Web e, in definitiva, ad accelerare notevolmente WordPress.

6. Utilizzare un CDN

Le persone che visitano il tuo sito web appartengono a varie località del mondo e, inutile dirlo, la velocità di caricamento del sito sarà diversa se i visitatori si trovano lontano da dove è ospitato il tuo sito. Esistono molte reti CDN (Content Delivery Networks) che aiutano a mantenere la velocità di caricamento del sito al minimo per i visitatori di vari paesi. Una CDN conserva una copia del tuo sito Web in vari datacenter situati in luoghi diversi. La funzione principale di una rete CDN è di servire la pagina Web a un visitatore dalla posizione più vicina possibile. Cloudflare e MaxCDN sono tra i servizi CDN più popolari.

7. Abilita la compressione GZIP

La compressione dei file sul computer locale può far risparmiare molto spazio su disco. Allo stesso modo, per il web, possiamo usare la compressione GZIP. Questa manovra ridurrà drasticamente l’utilizzo della larghezza di banda e il tempo necessario per accedere al tuo sito Web. GZIP comprime vari file in modo tale che ogni volta che un visitatore tenta di accedere al tuo sito Web; il loro browser dovrà prima decomprimere il sito web. Questo processo riduce notevolmente l’utilizzo della larghezza di banda.

Puoi usare un plugin come il Page Speed ​​Ninja, che abilita la compressione GZIP o aggiungi i seguenti codici nel tuo file .htaccess.

AddOutputFilterByType DEFLATE text / plain
AddOutputFilterByType DEFLATE text / html
AddOutputFilterByType DEFLATE text / xml
AddOutputFilterByType DEFLATE text / css
AddOutputFilterByType DEFLATE application / xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application / xhtml + xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application / rss + xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application / javascript
AddOutputFilterByType DEFLATE application / x-javascript

8. Pulizia del database di WordPress

L’eliminazione di dati indesiderati dal database ne ridurrà al minimo le dimensioni e contribuirà anche a ridurre le dimensioni dei backup. È inoltre necessario eliminare commenti spam, utenti falsi, vecchie bozze dei tuoi contenuti e forse anche plug-in indesiderati e temi. Tutto ciò ridurrà le dimensioni dei tuoi database e file web e quindi accelererà WordPress – il tuo WordPress.

9. Disattiva o disinstalla i plugin

Mantenere plugin indesiderati sui tuoi siti Web WordPress aggiungerà un’enorme quantità di spazzatura ai tuoi file web. Inoltre, aumenterà anche le dimensioni del backup e caricherà una quantità enorme di carico sulle risorse del server durante la generazione dei file di backup. È meglio sbarazzarsi dei plug-in che non si utilizzano e cercare anche metodi alternativi per utilizzare servizi di terze parti per automatizzare o pianificare attività (come la condivisione dei propri post più recenti sui social media).

IFTTT o Zapier sono due servizi Web che consentono di automatizzare tali attività e ridurre l’onere per le risorse del sito Web e del server.

10. Ridurre al minimo gli script esterni

L’uso di script esterni sulle tue pagine web aggiunge una grande mole di dati al tuo tempo di caricamento totale. Pertanto, è meglio utilizzare un numero basso di script, inclusi solo gli elementi essenziali come strumenti di monitoraggio (come Google Analytics) o sistemi di commento (come Disqus).

11. Disabilita pingback e trackback

Pingback e trackback sono due componenti principali di WordPress che ti avvisano ogni volta che il tuo blog o pagina riceve un link. Potrebbe sembrare utile, ma hai anche cose come Strumenti per i Webmaster di Google e altri servizi per controllare i link del tuo sito web.

Mantenere pingback e trackback attivi può anche mettere a dura prova le risorse del server. Questo perché ogni volta che qualcuno tenta di collegarsi al tuo sito, genera richieste da WordPress avanti e indietro. Questa funzionalità è anche ampiamente utilizzata quando si prende di mira un sito Web con attacchi DDoS.

Puoi disattivare tutto in WP-Admin → Impostazioni → Discussione. Deseleziona "Consenti notifiche di collegamento da altri blog (pingback e trackback)." Questo ti aiuterà ad accelerare un po ‘di più WordPress.

Conclusione

Il più grande vantaggio di ridurre i tempi di caricamento del tuo sito web è che aiuterà enormemente a migliorare l’esperienza dei tuoi visitatori. Il caso rimane lo stesso indipendentemente dal fatto che utilizzino dispositivi mobili o PC. Inoltre, migliorerà anche le tue classifiche nelle SERP. Dopotutto, l’uso ridotto della larghezza di banda dell’hosting e una maggiore velocità di caricamento del sito sul lato client saranno utili sia a breve che a lungo termine.

Se non hai ancora creato un blog, consulta questa guida: come creare un sito su WordPress. È un’ottima risorsa che offre tutorial passo-passo sulla creazione di un blog personale o professionale.

Ora è il tuo turno. Come si accelera WordPress? Hai qualche asso nella manica?

Non dimenticare di partecipare al nostro corso intensivo per accelerare il tuo sito WordPress. Con alcune semplici correzioni, puoi ridurre i tempi di caricamento anche del 50-80%:

* Questo post contiene link di affiliazione, il che significa che se fai clic su uno dei link del prodotto e poi acquisti il ​​prodotto, riceveremo una piccola tassa. Non preoccuparti, pagherai comunque l’importo standard in modo che non ci siano costi da parte tua.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Это интересно
    Adblock
    detector