La pratica guida SEO che puoi effettivamente utilizzare – Aka. SEO per persone a cui non piace SEO

Perché hai bisogno di una guida SEO pratica? L’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca è un grande business. Essere in grado di identificare le parole chiave corrette rilevanti per la tua attività, creare contenuti che possano classificarsi bene per quelle parole chiave e quindi ottimizzare i contenuti per prendere le prime posizioni per quelle parole chiave può creare o distruggere un business online.


Poiché l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO in breve) è così importante, negli ultimi due + decenni si è evoluta un’enorme industria per aiutare le aziende di tutte le dimensioni ad avere successo con i motori di ricerca. Negli ultimi anni, poiché il content marketing è diventato un importante canale di crescita per molte aziende online, scrivere di SEO è diventato quindi un obiettivo ovvio.

Il prodotto di tutto ciò è un’enorme quantità di informazioni sul SEO. Come qualcuno che cerca di raggiungere i risultati si può nominalmente derivare "buon SEO", come navighi in questo mare di informazioni? Dove dovresti concentrare il tuo tempo? Quale "suggerimenti e trucchi" sono effettivamente utili?

Questo post è la tua guida SEO pratica – quella che puoi effettivamente usare.

guida pratica SEO

La SEO è volutamente complicata

Useremo una serie di euristiche utili per pensare al SEO in questo post. Ecco il primo:

  • L’industria SEO è incentivata a rendere la SEO il più complicata possibile.

Se è complicato, devi spendere un sacco di soldi in fantasiosi strumenti SEO (che, senza dubbio, diffondono una tonnellata di dati), oppure devi lasciarli agli esperti. Inoltre, poiché gli algoritmi dei motori di ricerca sono segreti strettamente custoditi, è molto difficile verificare chi ha effettivamente ragione. Questo porta solo a sempre più complicazioni.

È difficile sapere di chi fidarsi: nessuno sta facendo SEO semplice. Anzi, se cerchi "SEO semplice", c’è una grande ironia (almeno per me) che il primo risultato ti promette "32 semplici suggerimenti SEO". Trentadue! Un processo in trentadue fasi non è un processo semplice.

Non una semplice guida SEO

Niente di tutto questo da dire "SEO è inutile"; Il SEO è molto prezioso, ma per la maggior parte delle persone non deve essere così complicato come sembra. Tra tutti questi rumori intorno alla SEO, è facile perdersi le basi molto semplici.

È importante premere il pulsante di ripristino su come pensi al SEO prima di procedere, quindi, con la tua speranza sulla stessa pagina, possiamo rimanere bloccati correttamente nella guida SEO e nelle migliori pratiche che puoi effettivamente utilizzare.

Comprensione dei risultati di ricerca

Parliamo prima dei risultati di ricerca, o SERP, come li chiamano l’industria. I risultati della ricerca stessi sono dove avviene la magia: è qui che un utente del motore di ricerca digiterà un termine di ricerca, quindi fare clic sul risultato che ritengono essere più pertinente.

Lo stesso motore di ricerca vuole semplificare la vita ai suoi utenti, quindi proverà a visualizzare prima il risultato più pertinente sulla pagina. I motori di ricerca sono diventati molto bravi negli ultimi anni, quindi ora gli utenti generalmente si fidano che il primo risultato di ricerca sarà il risultato più pertinente.

Pertanto, gli utenti si fidano dei risultati che i motori di ricerca portano loro di più e hanno una maggiore propensione a fare clic sui risultati migliori! Ciò non sorprende e, in effetti, l’attenzione di molti SEO è "rango più alto", ma ciò che sorprende è la misura in cui gli utenti fanno clic sui risultati migliori.

I dati su questo sono non del tutto chiaro, ma molti studi concordano: circa i tre quarti dei clic passano ai primi tre risultati. Mettendo tutto insieme, possiamo stimare che un terzo alla metà di tutti i clic di ricerca vada al singolo risultato principale.

(Grafici di Visualizer Lite.)

Il tuo contenuto che sta andando bene, è in classifica nella prima pagina? Se è al di fuori dei primi tre, sarà seriamente superato dai risultati sopra di esso. Pertanto, l’attenzione di molti SEO su "rango più alto", o "vai sulla prima pagina" è sbagliato. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di arrivare all’inizio della prima pagina. Qualcos’altro e ti stai perdendo selvaggiamente.

Ripensaci dal punto di vista del motore di ricerca: come sceglie i primi tre risultati? Seleziona i risultati più pertinenti e i migliori. Il tuo compito con la SEO, quindi, è arrivare a quel posto numero uno. Questo ti costringe a riadattare radicalmente il tuo pensiero sul contenuto: devi essere il migliore; essere tra i primi dieci non lo taglia.

Possiamo quindi introdurre altre due euristiche:

  • Pensa ai risultati di ricerca dal punto di vista del motore di ricerca.
  • Scegli come target il primo posto, non solo la prima pagina.

Se stai prendendo di mira un termine di ricerca (parleremo di come farlo in seguito), fai una ricerca! Fai clic sui primi tre risultati: puoi dire onestamente che i tuoi contenuti sono decisamente migliori di quelli attualmente classificati? Questo deve essere il tuo test e questo deve essere il modo in cui pensi ai risultati di ricerca.

Come eseguire ricerche di parole chiave

La ricerca di parole chiave è una parte incredibilmente importante del processo SEO e dovrebbe essere la prima cosa pratica che toglie da questa guida SEO come qualcosa da fare ogni volta che decidi di ottimizzare una pagina web per i motori di ricerca.

La ricerca per parola chiave è praticamente ciò che sembra: il processo di selezione di quale parola chiave o parole chiave deve essere indirizzata alla tua pagina. Ciò ti consente di ottimizzare la tua pagina per le parole chiave che le persone stanno effettivamente cercando e le parole chiave in cui è effettivamente possibile classificare nelle prime posizioni.

Avrai bisogno di uno strumento di ricerca per parole chiave per fare la ricerca di parole chiave. Il più popolare di questi è Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google.

Progettato per essere utilizzato per la piattaforma di annunci a pagamento di Google AdWords, offre tre informazioni davvero utili su qualsiasi termine di ricerca:

  1. Il numero di ricerche mensili medie per il termine di ricerca.
  2. La concorrenza per gli annunci mirati contro il termine di ricerca (tieni presente che si tratta di annunci e non stai pubblicando annunci, ma questo è un buon indicatore generale di competitività).
  3. Parole chiave correlate al termine di ricerca.

Schermata di Google Keyword Planner

Grazie a queste tre informazioni, puoi prendere rapidamente decisioni sulle parole chiave che desideri scegliere come target.

Per questo post, ad esempio, vorrei iniziare la ricerca di parole chiave andando al Pianificatore di parole chiave, facendo clic su "Cerca nuove parole chiave utilizzando una frase, un sito Web o una categoria", ed entrando, diciamo, "SEO demistificato" come parola chiave di destinazione in "Il tuo prodotto o servizio" scatola. Quindi fare clic "Ottieni idee".

Questo me lo mostrerebbe "SEO demistificato" ha solo circa 100 ricerche mensili, quindi probabilmente non è un buon nome per l’articolo.

Guardando l’elenco delle idee, tuttavia, posso vedere "Guida SEO" ha fino a 10.000 ricerche mensili, ma bassa concorrenza.

Ora so che dovrei cambiare la parola chiave target per i miei contenuti e posso potenzialmente raggiungere 100 volte il numero di persone attraverso la ricerca ogni mese come risultato diretto.

Risultati da Google Keyword Planner

Per la ricerca di parole chiave a livello di bonus, mi piace usare lo strumento (a pagamento) KWFinder, che è molto più facile da usare e include molti più dettagli, estraendo informazioni extra sui risultati (come quante persone hanno collegato o twittato una pagina; un totale "quanto è difficile classificare" Punto; e visite stimate per ciascuna posizione).

Schermata dello strumento KWFinder in azione.Schermata dello strumento KWFinder in azione.

Questo strumento semplifica anche la ricerca di completamenti automatici correlati e le domande che le persone cercano in relazione al termine. Tutto ciò è incredibilmente utile in quanto ti dà un’immagine molto chiara di ciò che stai affrontando.

Mi piace KWFinder perché fa una cosa molto bene, non ti lancia inutilmente molti dati (come fanno molti strumenti SEO) ed è relativamente molto conveniente, a partire da circa $ 30 / mese.

Puoi assolutamente cavartela con lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google, ma se stai effettuando ricerche di parole chiave su qualsiasi scala, troverai uno strumento come KWFinder estremamente utile (vale la pena notare che nella nostra guida alla crescita di un blog, utilizzando uno strumento SEO per la ricerca di parole chiave ha preso il primo posto).

Una buona SEO inizia con una buona ricerca di parole chiave. Una volta che sai come e con cosa stai competendo, puoi passare alla fase successiva: ottimizzare i tuoi contenuti.

Padronanza dell’ottimizzazione on-page

L’ottimizzazione on-page è l’arte di rendere la tua pagina di destinazione il più attraente possibile per i motori di ricerca. Quando Google arriva sulla tua pagina, come fai ad assicurarti che gli piaccia il più possibile? Questa è la domanda che questa guida SEO sta affrontando qui.

Il primo punto da sottolineare qui è che devi avere il miglior contenuto possibile. È necessario assicurarsi che il contenuto sia eccellente il principio chiave di questo processo. Tutto il resto è secondario: puoi fare tutte le ottimizzazioni nel mondo, ma se i tuoi contenuti non sono buoni, non otterrai da nessuna parte.

Il test chiave da porsi è: "i miei contenuti sono migliori di tutto il resto attualmente su Google per la mia parola chiave target?"

Una volta soddisfatte le esigenze del contenuto, possiamo trasformare le strategie tattiche che compongono la maggior parte degli articoli di ottimizzazione su pagina. Se Google si trova di fronte a due eccellenti contenuti, quasi sicuramente favorirà quello che fa meglio queste ottimizzazioni su pagina. Inoltre, semplicemente facendo queste ottimizzazioni ai contenuti esistenti è possibile ottenere un aumento delle classifiche quasi immediatamente. Questa roba è davvero preziosa e vale la pena farlo.

Gli utenti di WordPress sono benedetti con una serie di eccellenti plugin SEO, che fanno parte del duro lavoro di ottimizzazione on-page per te. Di gran lunga il più popolare di questi per WordPress è Yoast SEO. Se non stai già utilizzando Yoast SEO, ora è il momento di installarlo! È gratuito e può essere installato direttamente dalla dashboard di WordPress. Ti consigliamo quindi di andare alle impostazioni del plug-in e seguire le istruzioni di installazione.

Con questa configurazione di base coperta, possiamo andare a cercare di ottimizzare un singolo articolo in WordPress, usando Yoast SEO. Vai al post o alla pagina che desideri ottimizzare e scorri verso il basso fino alla fine della pagina. Qui troverai il sistema a semaforo di Yoast per dirti come stai andando con le tue ottimizzazioni su pagina. Dovresti considerare questo come la tua lista di controllo, rendere le luci il più verdi possibile e farlo senza fallo per ogni singolo post che pubblichi.

Funziona come un sistema perché è semplice, molto accessibile e il sistema a semaforo ti costringe a pensare all’ottimizzazione in-page in modo sistematico. Non è il sistema più completo, ma fa un ottimo lavoro nel coprire le basi e andrà bene per la stragrande maggioranza dei siti.

Bene, ecco come si desidera utilizzare ogni sezione di Yoast SEO:

(1)

Imposta una parola chiave focus. Questa dovrebbe essere la parola chiave principale a cui ti rivolgi (quella che hai scelto utilizzando i dati in precedenza).

Questa è forse l’impostazione Yoast più cruciale che devi spuntare e vogliamo sottolineare che in questa guida SEO.

(2)

Assicurati che la parola chiave focus sia inclusa in:

  • Il titolo del post. | L’URL del post. | La meta descrizione del post.
  • Il primo paragrafo del post, se possibile. Personalmente non mi piace essere troppo severo su questo in quanto a volte non funziona, ma segui questa regola la maggior parte delle volte.
  • Uno o due sottotitoli usati nel post.
  • Più volte in tutto il post. La sezione Analisi di Yoast ti dirà la densità delle parole chiave; assicurati che questa sezione sia verde.

(3)

Modifica di nuovo il titolo SEO e la meta descrizione. La lunghezza del titolo è buona? Come appare sui dispositivi mobili? La descrizione è allettante? Vuoi cliccarlo? Poni queste domande e apporta le modifiche necessarie.

(4)

Assicurati che tutte le immagini incluse nel post abbiano il testo ALT, con la parola chiave focus inclusa in una o due di queste. Il testo ALT è importante per l’accessibilità, quindi è necessario trattarlo come uno strumento di accessibilità, piuttosto che uno strumento SEO.

(5)

Link ad un paio di altri post sul tuo sito, usando la parola chiave focus degli altri post come testo del link. Questo non aumenterà questo post ora, ma se lo fai ogni volta che pubblichi, alla fine lo farà.

Questo processo in cinque passaggi è tutto ciò che devi fare! Questo è un modo molto semplice per ottenere il 95% dei vantaggi dell’ottimizzazione on-page, in un processo che richiede solo un paio di minuti. Per la stragrande maggioranza dei siti WordPress, questa è l’opzione migliore: è facile da fare, questo significa che lo farai ogni volta, e questo da solo lo rende un vincitore.

Troverai una comoda lista di controllo in fondo a questo post. Conservalo ovunque lo guardi e fai riferimento ogni volta che pubblichi un post.

Ottimizzazione off-page

I motori di ricerca ovviamente non si limitano a guardare il tuo post o la tua pagina quando decidi come posizionarlo rispetto a un termine di ricerca. Guardano anche molte altre informazioni, e queste sono le tue "off-page" fattori di classifica. Non puoi avere un impatto su tutti questi, ma puoi avere un impatto su alcuni, ed è qui che arriva l’ottimizzazione off-page. Ci sono due grandi argomenti per questa guida SEO da discutere qui che sono appropriati per la maggior parte dei post sulla maggior parte dei siti: condivisione sociale e divulgazione.

Un segnale sempre più importante per i motori di ricerca è quante persone parlano di un post sui social media. Ho avuto dei post "diventa virale" e raggiungere immediatamente la prima pagina per parole chiave estremamente competitive, davanti a tutta una serie di siti più autorevoli. Naturalmente, non puoi decidere se o quando i tuoi post diventano virali, ma puoi provare ad aumentare la probabilità che ciò accada inviando i tuoi post ai siti di condivisione social ogni volta che pubblichi. Questa è l’ottimizzazione chiave off-page: aumentare la probabilità che il tuo post abbia un enorme successo sui social media.

Come per l’ottimizzazione on-page, il modo migliore per affrontare questo è creare una lista di controllo. Trova circa cinque social network a cui puoi inviare i tuoi post e poi scorrili.

Ti consigliamo di cercare subreddit, gruppi di Facebook e "reddit per x" siti come Hacker News o ManageWP.org. È importante dedicare del tempo a comprendere la cultura del sito prima di pubblicare; solo pubblicare un collegamento raramente fa bene, ma pubblicare un breve sommario appropriato o un collegamento con un contesto aggiuntivo verrà generalmente ricevuto molto meglio.

Non sarai fortunato a diventare virale ogni volta, ma puoi aumentare le possibilità che ciò accada essendo proattivo. A lungo termine, dai ai tuoi post un secondo ventaglio di condivisione usando un plugin come Revive Old Post automatizzare la condivisione sociale a lungo termine.

Hacker News è popolareHacker News è popolare "reddit per la tecnologia" sito di condivisione.

Dovresti anche assicurarti che il tuo tema WordPress renda facile per i lettori condividere il post usando qualsiasi mezzo con cui si sentono a proprio agio. Puoi utilizzare il plug-in Jetpack gratuito per aggiungere questi pulsanti. Questa è una semplice modifica una tantum che può portare benefici a lungo termine, quindi abbiamo semplicemente bisogno di presentarla in questa guida SEO.

Schermata delle opzioni di condivisione di JetpackLe opzioni di condivisione social di Jetpack.

La seconda parte di questo puzzle di ottimizzazione off-page è outreach. La divulgazione ha una cattiva reputazione, quindi lasciatemi elaborare: con questo, intendo inviare i tuoi post a persone influenti, che hanno una storia di condivisione regolare di nuovi contenuti. Questo è un modo semplice per ottenere link, clic extra e condivisioni extra sui tuoi contenuti. Tutti questi sono buoni segnali off-page per Google che stai facendo un buon lavoro e che i tuoi contenuti dovrebbero essere classificati più in alto.

La seconda clausola nell’elaborazione di cui sopra è particolarmente importante: devi parlare con persone con un track record di condivisione regolare di contenuti. Puoi rendere questo processo molto più efficiente prendendo di mira le persone che conosci saranno alla ricerca di nuovi contenuti. E, in effetti, questo è ciò che rende questa ottimizzazione off-page altamente efficace, piuttosto che spam. Le persone che condividono regolarmente contenuti potrebbero avere un feed Twitter particolarmente attivo e essere orgogliosi di essere un guardiano del settore, o pubblicare una raccolta settimanale in un giorno specifico ogni settimana o curare un elenco di collegamenti nella loro newsletter. Qualcuno o tutti questi vanno bene.

WPMail.me è una popolare newsletter settimanale di WordPress.WPMail.me è una popolare newsletter settimanale di WordPress.

Con un paio di minuti di ricerca dovresti essere in grado di trovare i cinque punti vendita ovvi per nuove storie nel tuo settore. Per WordPress, ad esempio, potresti trovare le tre maggiori newsletter che detengono influenza wpMail, MasterWP, e Post Status. Iscriviti a ciascuno di questi e, quando hai un post da condividere, rispondi all’ultima email inviata e spiega perché il tuo post sarebbe adatto, con un link di accompagnamento. Per i punti bonus, invia il tuo post il giorno prima della pubblicazione della newsletter, poiché sarà quando verrà compilata.

Ti consigliamo di mettere insieme un elenco di circa cinque influencer a cui invii contenuti. Poiché questi influenzatori condividono regolarmente nuovi contenuti, saranno sempre alla ricerca di contenuti di alta qualità, quindi invii solo link altamente pertinenti e molto validi. Nel tempo, costruirai una relazione e diventeranno fidati di un tuo link di alta qualità. Questo funziona per entrambi: l’influencer ottiene contenuti di qualità da condividere e si ottengono buoni segnali off-page.

Esistono molti altri tipi di sensibilizzazione come inviare email agli autori di post per indirizzare articoli specifici, ma questi richiedono un livello di sforzo molto più elevato e un tasso di successo molto più basso. Questo tipo di sensibilizzazione trova un buon compromesso tra facilità, tasso di successo ed efficacia come segnale di classifica off-page.

L’obiettivo principale dell’ottimizzazione on-page è ottenere contenuti davvero buoni. L’obiettivo principale dell’ottimizzazione off-page è offrire ai tuoi post le migliori possibilità possibili di essere visti dalle persone e notato dai motori di ricerca. Niente di tutto ciò è particolarmente difficile; devi solo farlo ogni volta.

Utilizza questa guida SEO

Abbiamo sostenuto che il SEO non è difficile e questo ha l’obiettivo di essere una guida SEO pratica che puoi effettivamente utilizzare.

La parte chiave qui è finita a te: devi effettivamente usare questa guida SEO.

Per semplificarti le cose, ecco un comodo riepilogo delle euristiche di cui abbiamo discusso:

  • L’industria SEO è incentivata a rendere la SEO il più complicata possibile.
  • Pensa ai risultati di ricerca dal punto di vista del motore di ricerca.
  • Scegli come target il primo posto, non solo la prima pagina.

Fare il lavoro SEO è solo un caso di seguire una lista di controllo. Ecco un riepilogo dei punti chiave trattati in questa guida SEO:

  • Fai ricerche per parole chiave usando Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google per trovare le parole chiave più efficaci per i tuoi post.
  • L’ottimizzazione on-page sta fondamentalmente creando contenuti davvero buoni. Devi avere dei contenuti davvero buoni prima di provare qualsiasi ottimizzazione tecnica.
  • Yoast SEO è eccellente per guidare l’utente attraverso il processo di ottimizzazione tecnica su pagina. Imposta la parola chiave focus, quindi rendi verdi tutti i semafori del plug-in.
  • L’ottimizzazione off-page riguarda il fare le gambe per far conoscere il tuo articolo a più persone. Utilizzare due liste di controllo: una per l’invio ai siti di condivisione social e l’altra per gli influenzatori o la condivisione dei gatekeeper da contattare.

Questa è la tua guida SEO; SEO demistificato e tutte le tattiche pratiche di cui hai bisogno. Ora tocca a te. C’è qualcosa che deve essere chiarito?

Non dimenticare di partecipare al nostro corso intensivo per accelerare il tuo sito WordPress. Con alcune semplici correzioni, puoi ridurre i tempi di caricamento anche del 50-80%:

Layout, presentazione e modifica di Karol K.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map